Pizzo Caduta, a due passi dal mare di Mollarella c’è un insediamento preistorico da riscoprire

Pizzo Caduta

Forse non molti sanno, eccezion fatta per studiosi ed appassionati della materia, che a Pizzo Caduta, praticamente alle spalle della spiaggia di Mollarella, ormai alcuni decenni fa sono state rinvenute tracce evidenti di un insediamento preistorico che risale alla prima età del bronzo. Un sito, dunque, da riscoprire.

Ieri un gruppo di appassionati, guidati dallo studioso Antonino Mazzerbo, hanno fatto un sopralluogo nella zona. Arrivarci non è semplicissimo, perchè l’area è a strapiombo sul mare e le mareggiate hanno contribuito, nel corso degli anni, ad erodere la costa, rendendo sempre più difficile il passaggio. Il sito, però, è di una bellezza mozzafiato. Intanto perchè la roccia a strapiombo sul mare si diversifica dal resto della costa licatese, rendendo unica questa porzione di territorio, e poi perchè l’area custodisce i resti, ben evidenti, di un insediamento preistorico. E’ facile, per esempio, osservare lo scavo nella roccia realizzato per realizzare dei piccoli contenitori per l’acqua.

“Pizzo Caduta – conferma Antonino Mazzerbo – è stato indagato ormai alcuni decenni fa, ed è nota a tutti gli studiosi la presenza dell’insediamento della prima età del bronzo. Anche durante questa breve escursione, durata un paio di ore, abbiamo rinvenuti in superficie, sul terreno, perciò senza scavare, frammenti di ceramica acroma risalenti proprio al periodo in questione. Abbiamo lasciato questi frammenti in sito, ma è stato un piacere poter mostrare l’area ad appassionati di storia che amano la terra in cui abitano. Certo, sarebbe opportuno che gli enti competenti riscoprissero questo sito, valorizzandolo”.

L’insediamento di Pizzo Caduta è solo una piccola parte della ricchissima area archeologica che, di fatto, interessa l’intero territorio licatese. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*