Avevano frequentato la prima elementare insieme, si rivedono dopo 50 anni e fanno festa

Classe Giacomo Sabini

Si sono rivisti dopo decine di anni per festeggiare i loro primi 50 anni. Sono stati compagni di scuola a partire dal 1976, quando hanno frequentato la prima elementare a Sannicandro di Bari, nella scuola “San Giovanni Bosco – Manzoni”.

Hanno festeggiato insieme e con loro, tra gli autori dell’iniziativa, c’era Giacomo Sabini, appuntato scelto qualifiche speciali della guardia di finanza, pugliese, ma di fatto licatese d’adozione. Giacomo abita a Licata da 29 anni ed al lavoro unisce la passione per il calcio. E’ tra gli allenatori della scuola calcio d’elite della Santa Sofia Licata e, in questi primi 29 anni di presenza a Licata è sempre stato protagonista nell’attività sportiva.

“L’idea è stata – spiega Sabini – di Enza Bruno, Pasquina Scarraggi e Giovinia Bellissario, che si sono attivate per rivedere tutti  compagni/e delle elementari. E così, grazie ai social network, tutto è stato più facile, convogliando tutti in una più comoda chat Whatsapp. Le foto di gruppo con i classici grembiuli dell’epoca coronati dai grossi fiocchi, battute e ricordi del tempo, lasciano intendere come i tempi siano maturi per incontrarsi. E così venerdì 2 Ottobre, dopo 40 anni, gli alunni delle prime classi della  scuola elementare S. G. Bosco-Manzoni dell’anno 1976 si sono ritrovati al ristorante Torre Alba per trascorrere insieme una serata di festa, con la speranza che questo non resti l’unico incontro. Alla fine della cena la torta per coronare una magnifica serata tra vecchi amici e il saluto con la promessa e la voglia di rivedersi presto”.

Ecco il messaggio che Giacomo Sabini ha scritto ai suoi ex compagni di scuola:

“GRAZIE A TUTTI NOI

Grazie Enza Giovina Pasquina Giuseppe

“Una  grande e vera emozione essere stati insieme”

“La volontà, La complicità, La voglia di rivedervi e riscoprirvi e raccontarsi…dopo tanti anni  da cinquantenni per me era tanta. La serata  poi ha fatto notare cinquantenni con uno spirito  che ricordava quei bambini che nel 1976 iniziavano un percorso e  che si erano salutati anni fa.

Si fanno percorsi di vita diversi si vive in posti diversi, ma c’è sempre qualcosa che ci tiene  unito, per me è stato così, 29 anni vissuti in un’altro posto ti porta via tanto con me non è successo. Il legame con il mio paese con i miei amici di sempre  è rimasto lo stesso e oggi grazie a tutti voi mi sono appropriato nuovamente di tanti bei ricordi.

Ricordi tanti!!! gioie,qualche lacrima, abbiamo ricordato tutti i nostri compagni, (anche quelli assenti, chi per motivi vari e chi per la loro prematura scomparsa).

È stata una vera emozione essere stati insieme… Grazie ancora a chi ha organizzato una serata da 10 e lode!

Un augurio a tutti noi. Alla prossima… Non perdiamoci di vista!”.

(Foto Giacomo Sabini)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*