Indigenti protestano al Comune: vigili urbani, carabinieri e polizia riportano la calma

Il municipio di Licata

Dalla tarda mattinata fino al primo pomeriggio di oggi, alcuni indigenti hanno protestato davanti al Comune, chiedendo un sussidio economico in occasione del Natale. All’inizio i protagonisti della protesta si sono limitati a rumoreggiare, ma poi hanno provato ad entrare al municipio ed a raggiungere il primo piano dello stabile.

La tensione è diventata subito molto alta e provvidenziale si è rivelato l’intervento di vigili urbani, carabinieri e poliziotti. Nel giro di pochi minuti sul posto sono arrivate ben tre pattuglie e, non senza difficoltà, è stata riportata la calma. Prima gli indigenti che protestavano sono stati calmati, e poi sono stati invitati a tornare a casa. Rimane da stabilire se nei loro confronti, considerata la plateale azione, scatteranno sanzioni amministrative o penali.

Sulla questione è intervenuto nel tardo pomeriggio Vincenzo Ripellino, assessore comunale alla Polizia Municipale.

“Ringrazio le forze dell’ordine – è il commento di Ripellino – per essere intervenute tempestivamente per riportare la situazione alla normalità. Mi piace rimarcare la prontezza con la quale gli agenti della polizia municipale, presenti al Comune e perciò i primi ad intervenire, con il coordinamento di Giuseppe Ferraro, hanno affrontato la situazione, scongiurando rischi per quanti si trovavano al municipio. Lo spirito di abnegazione e sacrificio che contraddistingue il corpo dei vigili urbani è utile anche in situazioni come questa”.  

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*