E’ stato il vice tecnico del Ravanusa dei miracoli, premiato a Enna l’allenatore Mario Vitale

Mario Vitale premiato

Quaranta anni fa il Ravanusa vinse la Coppa Italia Nazionale riservata alle società dilettantistiche. Un traguardo straordinario, che quest’anno è stato ricordato proprio in occasione dell’anniversario.

I calciatori e gli allenatori che ottennero quell’importante risultato sono stati premiati ad Enna, al Castello di Lombardia, in occasione dei “Penalty Awards”, cerimonia condotta dal giornalista Tortorici.

Tra i premiati anche Mario Vitale, allenatore originario del ragusano, ma licatese d’adozione, che a Ravanusa, 40 anni fa, era il secondo di Carlo Baio. Il tecnico è scomparso, perciò il premio è stato ritirato da Mario Vitale. Insieme a lui, al Castello di Lombardia di Enna, c’erano Michele Belfiore e Corrado Conte, ex calciatori di quel Ravanusa dei miracoli.

Mario Vitale, per l’Associazione italiana allenatori di calcio, si occupa di promuovere incontri per combattere l’assunzione di alcol e droghe, fenomeno purtroppo diffuso tra i giovani.

“E’ stato un onore – è il commento di Vitale – ritirare il premio nel ricordo del grandissimo Carlo Baio. Qualche settimana fa, con molti dei calciatori dell’allora Ravanusa, abbiamo festeggiato i 40 anni della Coppa Italia Nazionale, ricordando quella stagione straordinaria, irripetibile. Con alcuni di loro ci siamo ritrovati ad Enna ed è stata una festa. Commossi abbiamo ricordato Carlo Baio. Tanti i premiati della serata, compresi gli infettivologi dell’ospedale Cannizzaro di Catania che tante energie hanno profuso per combattere il Covid 19”.

(Foto di Mario Vitale)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*