Coronavirus, “Troppi irresponsabili per strada”, il sindaco pronto a emettere ordinanza restrittiva

Antonio Montana

L’amministrazione comunale di Licata è intenzionata ad emettere un’ordinanza restrittiva con riguardo al fatto che in tanti continuano ad uscire di casa senza averne ragione.

Il sindaco Pino Galanti ha inviato una bozza di ordinanza al presidente della Regione, Nello Musumeci, per essere autorizzato ad emetterla.

Ecco cosa prevede:

  • Spostamento in auto consentito solo a condizione che non ci siano passeggeri, salvo che le comprovate esigenze riguardino minori, persone senza patente, invalidi.
  • In due in auto solo se sono diretti nello stesso luogo di lavoro. Il passeggero deve stare sul sedile posteriore.
  • Gli spostamenti a piedi sono consentiti in solitaria ed entro 500 metri dal proprio domicilio.
  • Spostamenti per la spesa soltanto in solitaria.
  • I titolari di punti vendita di alimentare sono obbligati ad eseguire la sanificazione dell’ambiente più volte al giorno.
  • I responsabili di uffici bancari, postali, finanziari, e gli esercizi commerciali che utilizzano il POS, ed hanno in dotazione postazioni Bancomat, sono obbligati ad eseguire la sanificazione dello strumento, con alcol, più volte al giorno.

Stasera il vice sindaco Antonio Montana, con un videomessaggio, ha ribadito l’appello a tutti a restare casa.

Qui sotto il video messaggio, cliccate per ascoltarlo

 

 

3 Comments

  1. Sicuramente d’accordo con lei vice sindaco. Ma penso che se ne accorge anche lei delle foto che i licatesi pubblicano la domenica dalle campagne e dai villini. Ma bloccare 3 strade che portano alle campagne è così difficile? Poi ci lamentiamo….

    • Ci sono centinaia di testimonianze di illustri scienziati/medici/psicologi e psichiatri che comprovino il contrario che ha oggi una volta che ospedali noti di Salerno, Pavia, Padova, Bergamo hanno le cure, non come all’inizio che non si conosceva la cura, rimanere dentro si muore di fame e depressione, vedete l’ultimo video del Sindaco di Venezia, questo accanimento sulla libertà farà più morti del Covid19, si potrebbero scrivere libri e libri su questa fantomatica “Pandemia” art. 21 della costituzione “libero pensiero“.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*