Discariche di amianto, Comune ed associazioni avviano campagna di sensibilizzazione

Una discarica abusiva di amianto

Amministrazione comunale ed associazioni insieme per una campagna di sensibilizzazione utile a porre in essere quanto necessario per arrestare il fenomeno delle discariche abusive di amianto presenti sul territorio licatese. E’ stato siglato un protocollo di intesa.

“A rappresentare il Comune di Licata – scrive l’ente – il sindaco Angelo Cambiano e l’assessore alle Problematiche Ambientali Vincenzo Ripellino. I soggetti coinvolti oltre al Comune sono: associazione A Testa Alta, Centro 3P, Cittadinanzattiva Licata, Collettivo Controvento, Comitato Civico Fondachello Playa, Consulta delle Associazioni e del Volontariato, La Rete, Lega Navale – Sezione di Licata, Licata Bene Comune, WWF O.A. Sicilia Area Mediterranea – Sede Operativa di Licata”.

“Le finalità che il protocollo di intesa si propone di raggiungere – spiega l’assessore Vincenzo Ripellino – sono quelle descritte all’articolo 2 del documento sottoscritto nei giorni scorsi, e cioè creare un sistema sinergico di collaborazione tra l’amministrazione comunale e le associazioni aderenti all’iniziativa, per mirare all’avvio di un’attività di sensibilizzazione rivolta ai cittadini per: informare sui rischi che la presenza di materiali contenenti amianto comportano per la salute e l’ambiente; compilare e consegnare le apposite schede per l’auto – notifica, da parte dei soggetti privati proprietari di siti, edifici, impianti, mezzi di trasporto, manufatti e materiali con presenza di amianto e da parte di coloro che, secondo la normativa vigente, svolgono attività di bonifica e smaltimento dell’amianto nel territorio. Mentre il Comune si farà carico di produrre e garantire la diffusione dei moduli per l’auto – notifica ad opera dei cittadini, e di mettere a disposizione delle associazioni e firmatari del protocollo di intesa gli spazi e le attrezzature occorrenti per lo svolgimento delle varie iniziative ed attività proposte dal documento, i firmatari – conclude l’assessore Ripellino – si impegnano ad avviare attività informative e di sensibilizzazione presso scuole, parrocchie, associazioni, comitati, circoli, piazze e vie cittadine; organizzare eventi e/o convegni in materia ambientale, con particolare riferimento ai rischi legati all’amianto; alla progettazione grafica e presentazione di slide su “Amianto , rischi sulla salute e l’ambiente” e su “Censimento amianto: obblighi e sanzioni”; alla realizzazione di campagne informative sui principali social network per rendere la cittadinanza consapevole dei rischi per la salute e l’ambiente”. Coloro i quali volessero aderire all’iniziativa possono farlo.

In questi giorni uno stand del “Mercato Urbano di Natale”, in corso Vittorio Emanuele, è dedicato alla sensibilizzazione sulla questione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*