Vertenza pescatori, tensione alta. In corso il vertice al Comune, presidiato dalle forze dell’ordine

Protesta pescatori

E’ iniziato alle 17.30, e sta andando ancora avanti, il confronto al Comune tra i rappresentanti dei pescatori e l’amministrazione comunale.

Il prologo c’è stato alle 14.30 dove, davanti all’ufficio circondariale marittimo cittadino, la tensione è stata alta, con una quarantina di pescatori che hanno protestato a lungo contro i controlli sulle maglie delle reti che vengono considerati eccessivi.

Poi i pescatori hanno chiesto, ed ottenuto, un confronto con l’amministrazione comunale. Tutti si sono spostati al Comune e, per rispettare le norme anti Covid, sono una piccola delegazione è stata ricevuta nell’aula consiliare dal vice sindaco Antonio Montana, alla presenza del dirigente del commissariato di polizia, vice questore Cesare Castelli, e del comandante della compagnia carabinieri, capitano Francesco Lucarelli. Tutti gli altri pescatori sono rimasti in piazza Progresso e la zona è stata presidiata da carabinieri, polizia, guardia di finanza e polizia municipale.

Il vice sindaco ha assicurato l’interessamento delle istituzioni ed ha raccomandato ai pescatori la calma.

A Palermo, invece, l’assessore Giuseppe Ripellino si è confrontato con Toni Scilla, assessore regionale all’Agricoltura ed alla Pesca.

“Grazie all’interessamento del deputato regionale Riccardo Gallo – ha detto Ripellino – abbiamo avuto un primo confronto con l’assessore regionale Scilla ed ottenuto di incontrarlo, insieme ad una piccola delegazione di pescatori, il prossimo 13 di maggio, alle 16.30”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*