“U pisci friscu da Licata” e “Passio ed Estasi”, Vincenzo Scuderi pubblica due nuovi libri

Vincenzo Scuderi

Il docente licatese Vincenzo Scuderi ha dato alle stampe due nuovi libri. Il primo si intitola “U pisci friscu da Licata”, il secondo si intitola “Passio ed estasi” è dedicato agli ultimi istanti di vita di Sant’Agata, patrona di Catania.

“U pisci friscu da Licata” – scrive l’autore – è una farsa tipica siciliana. Trattasi di una divertente storia di tradimenti e “forse” d’amore, tutta siciliana, naturalmente condita con una messa in scena beffarda, ironica che si svolge nell’allora mercato del pesce. Inizialmente si contrappongono due cosiddette “comari” che si vogliono talmente bene e sono così legate da quell’amicizia, nata, vissuta e “pasciuta” in quel cortile, da riuscire a spettegolarsi con sottile, umoristica, indelicata arte ironica, quella burlesca della farsa isolana che colpisce e vuol colpire tutti e nello stesso tempo mai nessuno”.

“Nel secondo – aggiunge Scuderi – sono descritti unicamente gli ultimi momenti di vita di Agata, la santa protettrice, vergine, martire, della città di Catania, stremata in cella, dopo il lungo martirio. Un dialogo immaginato, silenzioso, intimo, di coinvolgente passione, di amore verso Dio nella visione di Cristo. L’obiettivo del lavoro è possibilmente quello di porre l’accento sulla sublimazione di Agata, l’esperienza altissima vissuta dal suo spirito. In rapimento e in preghiera, raggiunge un alto grado di perfezione mistica da elevarsi col corpo e congiungersi con la Santa Trinità di Dio”.

1 Comment

  1. Interessanti e per i siciiani e ancor di piu’ per i concittadini, senz’altro un modo per rivedere e rivedersi in un contesto molto familiare luoghi, persone e momenti di un vissuto che, in un certo senso si rimpiangono, per la semplicita’ e la genuinita’ di un periodo storico che si rimpiange per la bellezza, l’allegria e tante altre cose di cui si e’ perduto ogni riferimento, se non raccontandolo.Nel suo racconto, il Prof. V.zo Scuderi ha centrato pienamente tutti gli aspetti reali di una epoca che ha lasciato il segno.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*