Tassa sui rifiuti, la commissione Bilancio del Comune: “Al lavoro per ridurre la terza rata”

Violetta Callea

La commissione Bilancio del Comune è al lavoro nel tentativo di ridurre la terza rata della Tari 2018. Lo ha annunciato il presidente Violetta Callea.

“L’obbiettivo principale della commissione  su questa problematica,  con l’ausilio dei tecnici invitati a proposito – scrive Callea – è quello di  esaminare  se vi siano margini  per ridurre la consistenza della terza rata della tari 2018, sensibilmente aumentata rispetto all’anno precedente di  più di un milione di euro, attraverso lo studio dei costi preventivati nel Pef e nella delibera consiliare approvata dal commissario straordinario in data 29 marzo 2018, e  se essi siano congrui con i servizi fino ad oggi espletati, anche perché siamo ancora nei  termini di approvazione del bilancio di previsione 2018, con possibilità di defalcare, ridefinendo il piano  economico finanziario e quello tariffario, quanto non dovuto se non effettivamente  corrispondente a servizi prestati dal gestore del servizio”.

Alla riunione della commissione hanno partecipato i consiglieri comunali che la compongono, Salvatore Posata, Piera di Franco, Angelo Iacona e Andrea Carella, l’assessore al Bilancio Antonio Bilotta, il sindaco Giuseppe Galanti, l’assessore ai rifiuti Antonio Pira, l’agronomo Guido Cellura, Veronica Vicari, Vincenzo Maurizio Cammilleri, ex revisore contabile del Comune, e il commercialista Carmelo Ricceri.

“Durante la riunione – conclude Violetta Callea – è emersa anche la necessità di dover modificare e aggiornare il regolamento Tari vigente e risalente al 2014, e di adottare dei criteri di riparto del tributo più ragionevole tra utenze domestiche e utenze non domestiche. Infine la commissione, che si aggiornerà a breve, nelle more di espletare i dovuti controlli ed evitare che vengano caricati sui cittadini costi eventualmente non dovuti, sta già valutando di proporre al consiglio comunale la ridefinizione della delibera consiliare del 4 settembre 2018, al fine di slittare il pagamento della terza rata della Tari 2018, che scade il 31 gennaio 2018, in primavera, e se sarà il caso, annullare la terza rata.  Per i contribuenti che avessero già pagato l’intero ammontare della bolletta in un’unica soluzione, saranno adottate misure compensative nella bollettazione in acconto per il 2019”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*