Taglio gratis agli operatori sanitari, aderisce anche il parrucchiere licatese Salvo Bulone

Salvo Bulone

Il parrucchiere licatese Salvo Bulone, noto anche per avere curato le acconciature durante il Festival del Cinema di Roma e per essersi occupato dei capelli di diversi artisti del mondo dello spettacolo, ha aderito al progetto nazionale che prevede il taglio gratuito per gli operatori sanitari.

“Nei mesi di chiusura delle attività, Salvo Filetti e Renato Gervasi, co – fondatori del brand Compagnia della Bellezza, hanno condiviso – si legge in una nota – un grande sogno che ha trovato immediata adesione anche da parte di molti degli ambasciatori affiliati del brand. Da questo sogno è nato un progetto di ringraziamento del personale sanitario impegnato in prima linea contro la pandemia, che prenderà il via domenica 28 giugno (domani ndr). In quella data, infatti, le Accademie di Milano in via Mecenate 84 e di Catania, via Scuto Costarelli 47 insieme a tutti i saloni del gruppo, offriranno un servizio di taglio e piega gratuito a tutti gli operatori sanitari, gli impiegati degli ospedali, i medici di base e gli operatori della Croce Rossa, che avranno effettuato una prenotazione sul sito www.compagniadellabellezza.com”.

Dunque anche nel salone di Salvo Bulone verrà accolto il personale sanitario.

“Inoltre dal 28 giugno al 30 luglio il personale sanitario, previa prenotazione al sito, potrà continuare ad usufruire del servizio gratuito di taglio e piega nei saloni Compagnia della Bellezza che ogni settimana dedicheranno – si legge ancora nel documento – al personale sanitario alcuni slot. Per accedere all’iniziativa sarà sufficiente presentare la conferma di prenotazione ricevuta in automatico e un documento che attesti di fare parte delle categorie prescelte. C1 – Internal use

In più, a tutti i partecipanti sarà omaggiata una shopping bag contente dei sachet di prodotti L’Oréal Professionnel e un gel igienizzante mani prodotto dagli stabilimenti L’Oréal riconvertiti durante l’emergenza”.

“Siamo felici di aderire a questo progetto – commenta Salvo Bulone – già sono pervenute alcune prenotazioni e di questo siamo onorati. Vogliamo essere riconoscenti a chi ha lavorato per salvare vite umane”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*