Stop alla vendita di alimenti la domenica, Cna Sicilia contro Musumeci: “Scelta immotivata”

Musumeci a Licata

“Non comprendiamo e manifestiamo netta contrarietà per i criteri utilizzati dalla Regione attraverso cui è stato imposto nell’isola il divieto di vendita  dei prodotti alimentari d’asporto nei giorni festivi e domenicali”.

E’ la posizione di Cna Alimentare Sicilia nei confronti dell’ordinanza del Governatore Musumeci che ha messo in campo misure più restrittive finalizzate alla limitazione della diffusione del virus nel nostro territorio. “Ci sembra immotivata e irrazionale  la scelta del presidente – affermano i vertici regionali del comparto –  i cui effetti saranno quelli di colpire  ulteriormente le attività del settore, già in grande affanno, e quindi di azzerare le residue possibilità di ricavo per gli operatori della ristorazione, i quali continuano, nel rigoroso rispetto dell’utilizzo dei dispositivi di sicurezza, a resistere. Ma c’è un limite a tutto. Fermo restando che la salvaguardia della salute pubblica ha la priorità assoluta – sottolineano il presidente Michelangelo Latino e il coordinatore Tindaro Germanelli –  non è  però accettabile che il presidente Musumeci adotti in Sicilia, collocata nella zona arancione, una linea così drastica, tenuto conto che neanche nelle zone dichiarate rosse è scattato il semaforo rosso per la vendita in modalità asporto”.

“Confidiamo nel buon senso e nella responsabilità istituzionale del governatore  Musumeci e dell’assessore alle Attività Produttive, Mimmo Turano – concludono Latino e Germanelli – affinché il provvedimento emanato venga tempestivamente rettificato”. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*