No alla rateizzazione degli oneri di urbanizzazione, Pullara contesta la direttiva

Lavori edili

“La direttiva emanata dal Comune di Licata sul pagamento degli oneri di urbanizzazione è soltanto un tentativo maldestro di far quadrare un bilancio dando però una mazzata all’economia della città”.

Lo scrive, in una nota diffusa oggi, Carmelo Pullara, capogruppo di popolari e autonomisti all’ Ars.

“Ritengo doveroso – aggiunge il deputato – intervenire, tra l’altro non solo io, in merito alla recente direttiva, emanata dal sindaco di Licata Giuseppe Galanti, relativa al pagamento degli oneri di urbanizzazione e alla loro compensazione con la realizzazione diretta. Prendo atto di quanto si legge nella direttiva e cioè, in considerazione delle criticità emerse in sede di formazione del bilancio di previsione nonché della situazione di cassa si dispone che:

  • per gli anni 2020-2021 non vengano autorizzate le rateizzazione degli oneri di urbanizzazione
  • Non vengano autorizzate le opere di compensazione degli importi dovuti quali oneri di urbanizzazione e aliquota sul costo di costruzione.

Ritengo -aggiunge Pullara- che tale direttiva potrebbe essere fortemente nociva sull’ intera economia della città di Licata”.

“Si tratta, a mio parere, di una manovra inutile che andrebbe a sancire – scrive ancora Pullara – non soltanto il definitivo collasso del settore edile ma dell’intera economia, causando il mancato avvio di lavori edili con gravi ripercussioni su un comparto già in forte crisi. Questo atto dimostra non solo le difficoltà dell’amministrazione comunale di chiudere un bilancio e la necessità di creare voci di entrata con ogni mezzo, ma anche la visione miope dell’interesse di un paese quasi a fregarsene delle ricadute pur di salvare se stessi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*