Sono 14 i migranti sbarcati ieri sera a Licata, una giovane donna etiope partorirà oggi in ospedale

Migranti soccorsi

Sono, complessivamente, 14 (10 donne ed i mariti di quattro di loro) i migranti sbarcati ieri sera sulla banchina commerciale del porto di Licata.

Tutti si trovavano sulla nave della Sea Watch, una delle Ong che salvano vite nel Mediterraneo, che ha gettato l’ancora nel porto di Licata e le motovedette della guardia costiera cittadina, coordinate dal tenente di vascello Piergiorgio Luminari, hanno raggiunto il tratto di mare ed hanno effettuato il trasbordo.

Ad attendere i migranti sul porto, oltre agli agenti del commissariato di polizia, coordinati dal vice questore Cesare Castelli per l’identificazione e l’avvio verso i luoghi di accoglienza, c’erano cinque autoambulanze con operatori del 118, la Protezione Civile guidata da Tony De Marco, e le associazioni di volontariato Croce Rossa Italiana e Guardia Costiera Ausiliaria.

A dare una prima accoglienza i migranti, anche il sindaco Pino Galanti e l’assessore comunale alle Pari Opportunità Violetta Callea.

Delle 10 donne sbarcate, in 9 necessitavano di cure e sono state ricoverate negli ospedali di Licata, Gela ed Agrigento. Cinque di queste, nel corso della notte, sono state dimesse ed accompagnate nei centri di accoglienza. Due donne sono ricoverate in Ostetricia a Licata: una è all’inizio della gravidanza, l’altra potrebbe partorire nella giornata di oggi. Entrambe sono etiopi.

I quattro uomini, mariti di altrettante donne, sono stati accompagnati in strutture di accoglienza di Agrigento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*