“Siamo con voi”, al “Fermi” di Licata una tombola di solidarietà per le famiglie di Ravanusa

L'istituto "Fermi"

“Aiutateci a dare una mano a chi in questo momento vive nello sconforto più totale”. E’ lo slogan scelto dall’istituto di istruzione superiore “Enrico Fermi” di Licata, diretto dalla preside Amelia Porrello, per aiutare le famiglie di Ravanusa che hanno perduto tutto a causa dei tragici fatti dell’11 dicembre scorso.

In pratica a scuola, oggi, è stata oganizzata una tombola alla quale hanno partecipato tutti gli studenti ed i docenti. Il ricavato andrà alle famiglie di Ravanusa.

“Negli ultimi giorni, a seguito dei gravi fatti di cronaca che hanno coinvolto la cittadina di Ravanusa, la comunità scolastica del Fermi di Licata – scrive la scuola – ha deciso di testimoniare con una Tombola il suo atteggiamento fraterno e solidale verso il prossimo”.

“La tragedia vissuta dai nostri fratelli ravanusani ci spinge a riflettere su cosa significhi essere umani e come questo si traduca nel nostro impegno a fare qualcosa” – afferma la preside -. Una tombola che ha messo il cuore al centro e il cui ricavato andrà devoluto per le famiglie colpite dal disastro. La solidarietà si ferma tra i nostri banchi e diventa sentimento comune e condiviso”.

“Nulla di quello che succede  agli altri deve risultarci estraneo e trovarci sordi. Se non possiamo riportare le lancette dell’orologio indietro, possiamo sicuramente – conclude il dirigente scolastico – far sì che la memoria di quanto accaduto faccia vivere in eterno Selene, Samuele, il professore Carmina e tutti gli altri che la vita l’hanno tragicamente persa”. Una tombola, un pretesto per dire “Siamo con voi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*