“Sentinelle della legalità”, gli studenti della “Marconi” pianteranno il “Buttiglieddru” alla villa

Sentinelle legalità

Gli studenti dell’istituto comprensivo “Guglielmo Marconi” si occuperanno di curare due aiuole della villa comunale “Regina Elena”, grazie al progetto “Sentinelle della legalità/ Villa vigili”.

Dal sindaco di Licata Pino Galanti, nel corso di una cerimonia che si è tenuta a scuola, i bambini hanno ricevuto delle piantine di “Buttiglieddru”, il pomodoro licatese che un’apposita associazione sta facendo rinascere dopo che era praticamente scomparso, che metteranno a dimora nella villa e se ne occuperanno.

La consegna ha avuto luogo nell’auditorium della “Marconi” alla presenza, oltre che del primo cittadino, degli assessori alla Legalità Violetta Callea ed al Verde Pubblico Pino Ripellino, della vice preside della scuola Tiziana Alesci, dei consiglieri comunali Giuseppe Peruga e Vincenzo Graci, del comandante della polizia municipale Giovanna Incorvaia e della referente del progetto “Legalità” della scuola, Carmela Di Rosa.

Gli allievi dell’istituto alberghiero “Filippo Re Capriata”, guidati dai docenti Vincenzo La Cognata e Marco Savone, hanno preparato un aperitivo con i prodotti tipici locali offerti dal forno “La Rotonda” e con il “Buttiglieddru”, mentre la scuola Euroform ha donato cappellini e pettorine agli studenti.

“Con la formale convenzione – è il commento dell’assessore Violetta Callea – siglata nei giorni scorsi  da amministrazione Comunale  e scuola “Marconi”, i ragazzi si sono assunti la responsabilità di riqualificare e di  prendersi cura di due piccole aree della villa comunale  per destinarle una  a orto botanico, in cui potranno già  piantumare fin da subito  piantine di ortaggi  e verdure, e l’altra a piccolo spazio polifunzionale per percorsi sensoriali, attività ludiche, descrittive ecc….,con  l’obiettivo comune di rappresentare uno stimolo al senso di appartenenza, creare percorsi di cittadinanza attiva  e recupero e cura  degli spazi  pubblici”.

(Foto Euroform e “Re Capriata” Facebook)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*