Seicento miglia marine in 3 settimane, si conclude a Licata il “Round Sicily Culture Sailing”

Alcuni dei diportisti che partecipano all'evento

Condividi

Licata è l’ultima tappa del “Round Sicily Culture Sailing”, giro della Sicilia in barca a vela che due giorni fa è approdato al porto turistico Marina di Cala del Sole.

“Il “Round Sicily Culture Sailing” – scrive il porto turistico – è nato nel 2014 dall’idea dell’armatore italo – venezuelano Armando Addati con lo scopo di incrementare il turismo nautico straniero in Sicilia. Portando per mano una flottiglia di armatori ben equipaggiati per la navigazione d’altura e navigando 600 miglia in tre settimane si dà l’opportunità a questi velisti di approfondire la sicilianità in tutti i suoi aspetti: storia, cultura, architettura, natura e non meno importante la realtà territoriale dei produttori di vino, olio d’oliva, aloe, formaggi, miele, cioccolato, pasta e tanto altro. Questa viaggio culturale intorno alla Sicilia ha come scopo quello di invogliare gli armatori delle più diffuse nazionalità, che stanno attualmente partecipando (australiani, inglesi, tedeschi, belgi, francesi) di ormeggiare le proprie barche nei porti siciliani tutto l’inverno o addirittura tutto l’anno promuovendo il territorio”.

Dopo avere fatto tappa in diversi porti siciliani, i diportisti si sono fermati a Licata per due giorni, guidati dall’Associazione archeologica licatese hanno visitato il centro storico, e stasera parteciperanno alla festa di chiusura ed alla premiazione per il Brother of the Coast. Un trofeo sarà consegnato alla barca e all’armatore che avrà accumulato più punti nelle gare eno -gastronomiche e culturali e per la migliore marineria dell’equipaggio e della barca tenuta durante il tragitto di 600 miglia in tre settimane”. 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*