“Scongiurare nuovi allagamenti in caso di piogge”, via al ripristino di caditoie e inghiottitoi

Lavori edili

Inizieranno lunedì prossimo i lavori, urgenti, per il ripristino della funzionalità di caditoie, griglie e inghiottitoi per la raccolta delle acque piovane, in via Palma nel tratto compreso tra via Dora e via Tevere.

Lavori necessari per evitare allagamenti in caso di forti piogge e, di conseguenza, danni per le attività commerciali e le abitazioni. L’intervento durerà fino al 7 febbraio e per fare in modo che le opere si svolgano in sicurezza, senza creare rischi all’incolumità pubblica, la polizia municipale ha emesso un’ordinanza che disciplina il traffico nella zona.

Ecco cosa prevede il provvedimento: “1. l’istituzione del divieto di transito e di sosta con rimozione, su metà carreggiata di via Palma, nel tratto compreso tra Via Dora e via Tevere, per il periodo 27 Gennaio – 7 Febbraio 2020 e, comunque, fino ad ultimazione dei lavori, nella fascia orario 07,00 – 17,00; 2. l’istituzione del divieto di sosta e di fermata su metà carreggiata di Via Palma, nel tratto compreso tra la Via Montevideo e la Via Can. Morinello, dal 27 Gennaio al 7 Febbraio 2020 e, comunque, fino ad ultimazione dei lavori suddetti, nella fascia orario 07,00 – 17,00; 3. autorizzazione delle necessarie ed opportune regolazioni del transito veicolare nella zona interessata dall’attività summenzionata alle condizioni di seguito riportate: a) predisposizione di apposita segnaletica ai sensi del Nuovo Codice della Strada; b) obbligo della ditta di predisposizione di ogni e quanto altri accorgimenti (segnaletica, segnalazione e recinzione degli scavi, fanali luminosi per la segnalazione nelle ore notturne ecc,), atti alla materiale rappresentazione dell’ordinanza di che trattasi e necessari al corretto svolgimento dell’attività di messa in sicurezza ed alla tutela della pubblica incolumità, in modo da garantire in ogni caso il libero accesso ai residenti ed il normale e sicuro flusso veicolare nella complessiva zona d’ambito interessata dai lavori, anche mediante la segnalazione di eventuali percorsi alternativi e in modo da garantire, in ogni caso l’eccezionale transito di mezzi di soccorso/emergenza e, perciò, compatibilmente con la fattibilità tecnica, operando così da impegnare per tratti le sedi stradali interessate”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*