Rosa Balistreri moriva 31 anni fa, Visit Agrigento e Qanat la ricordano con una passeggiata nei luoghi in cui nacque

Rosa Balistreri

Il 20 settembre di 31 anni fa, a Palermo, a soli 63 anni, moriva Rosa Balistreri, straordinaria cantante popolare licatese che nessuno ha dimenticato.

Arem Autoricambi

E proprio nei giorni in cui si celebra l’anniversario della scomparsa, Visit Agrigento e l’associazione Qanat (guidati rispettivamente da Marcello Mira e Marilia Peritore), hanno deciso di ricordare Rosa passeggiando nella terra in cui la “cantattrice” è nata: il centro storico di Licata.

L’escursione è in programma per domenica 26 settembre. Per iscriversi ed avere tutte le info basta contattare, su Whatsapp, il numero 3807985180.

La passeggiata si chiama “Cu ti lu dissi”, in cammino nella terra di Rosa”.

“Cu ti lu dissi” è, probabilmente, la canzone – scrivono gli organizzatori -più famosa di Rosa Balistreri, straordinaria cantante popolare nata a Licata il 21 marzo del 1927 e scomparsa prematuramente 31 anni fa.
Domenica 26 Settembre VisitAgrigento e l’associazione Qanat ricorderanno Rosa Balistreri con una passeggiata – trekking urbano nei luoghi in cui è cresciuta, visitando il quartiere Marina dove cantava a squarciagola sin da bambina, con i vicini di casa che durante le lunghe giornate la esortavano “Canta Rò”, e lei cantava anche per dimenticare i “guai”.

“Tra viuzze strettissime, vicoli caratteristici, dove i pescatori sostano ancora davanti ai bassi per riparare le reti, mostreremo – aggiungono gli organizzatori – e racconteremo i murales che artisti giunti da ogni parte d’Italia hanno dedicato a Rosa; visiteremo alcuni dei luoghi caratteristici del centro storico; ci fermeremo davanti la casa in cui la “cantattrice” è nata ed ha vissuto con la propria famiglia. E, durante la passeggiata, non mancheranno le sorprese”.

Ecco l’attrezzatura consigliata per la passeggiata: scarpe da ginnastica, abbigliamento comodo “a cipolla”, zaino con acqua (minimo 1 litro) e giubbotto leggero. Difficoltà: facile 

2 Comments

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*