Rifiuti, i Cinque Stelle: “Temiamo un aumento della Tari del 40 per cento, è inaccettabile”

Rifiuti in spiaggia San Nicola

Condividi

“Corre voce che ci sia la volontà da parte dell’amministrazione comunale di Licata di ritirare il ricorso al Tar proposto dal Comune, nel 2016, avverso il provvedimento da parte della Srr di esternalizzare senza aver prodotto la relazione ex art. 34, (relazione che avrebbe dovuto spiegare la convenienza ad esternalizzare), obbligatoria per legge. Un ricorso a tutela dei cittadini licatesi. Ritirarlo non farebbe altro che fare intendere la chiara volontà di piegarsi al raggruppamento di ditte private (unico partecipante) che si è aggiudicato l’appalto di 90 milioni di euro e che probabilmente dovrà effettuare assunzioni”.

A sostenerlo, in una nota, sono Melania D’Orsi, Jenna Ortega e Vincenzo Carità, i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle.

“Come movimento 5 stelle abbiamo già anticipato in consiglio comunale – aggiungono i tre consiglieri comunali – la nostra volontà di istituire una commissione consiliare di inchiesta (analoga a quella richiesta dal consigliere Scrimali), per far luce su quanto sta accadendo. La Tari aumenterà di circa il 40 percento per un servizio non reso. Tutto ciò è inaccettabile”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*