Reliquie di Sant’Angelo cedute a Gela, Angelo Vincenti: “Non capisco, qualcuno mi spieghi”

Sant'Angelo

Questa sera, con una solenne cerimonia nella chiesa di Sant’Agostino, della parrocchia di San Francesco di Gela, i Padri  Carmelitani consegnano alla comunità gelese delle reliquie di Sant’Angelo Martire, patrono di Licata.

La cerimonia solenne è in corso ed è presieduta da Roberto Toni O Carm. Priore provinciale della Provincia Italiana dei Carmelitani.

Ma il trasferimento delle reliquie lascia perplesso Angelo Vincenti, ex vice sindaco di Licata e profondo conoscitore di tutto ciò che riguarda Sant’Angelo.

Con un post pubblicato su Facebook, Vincenti rileva: “non posso far altro che continuare a non capire. Sono del parere che tutto poteva slittare in attesa di tempi migliori e oggi alla luce di quanto sta accadendo, continuo a non capire come e soprattutto chi sta decidendo cose così importanti. Se a fare la richiesta di averne un pezzettino saranno diverse comunità, cosa rimarrà a Licata?”.

“Avrei potuto comprendere – conclude Vincenti – la cessione di una reliquia indiretta a Sant’Angelo Muxaro, Comune dell’Agrigentino in cui il patrono è proprio Sant’Angelo Martire, ma davvero in questo caso non capisco”.

(Locandina del Santuario Sant’Angelo Licata FB)

1 Comment

  1. Spero che si farà in modo che le reliquie siano ridate a Licata e che fatti così gravi non si verificano più.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*