Ravanusa: fondò il Cif, la Casa dell’Amicizia e il Centro Amico, intitolata strada a Tanina Carmina

Tanina Carmina

Ha fondato il Cif Casa dell’Amicizia ed il Centro Amico onlus di Ravanusa, ora l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Carmelo D’Angelo ha deciso di intitolarle una strada.

Si tratta della ravanusana Tanina Carmina, nata nel 1925 e scomparsa nel 2010.

“Fu educata – scrive il Comune – alla luce dell’esempio cristiano. Maestra prima e professoressa di lettere poi presso la scuola media di Ravanusa, ha insegnato con serietà, professionalità e voglia di avviare i ragazzi a lei affidati, nel momento più delicato della loro crescita, ad una vita cristiana e ad una convivenza solidale e fraterna. Aderiva al Centro Italiano Femminile fin dalla sua nascita nel lontano 1945 e nella primavera del 1946 costituiva a Ravanusa il primo gruppo C.I.F. che, nell’immediato dopoguerra, nasceva come servizio di carattere assistenziale in risposta alle esigenze emergenti di giustizia sociale”.

“Testimone instancabile all’interno di varie Associazioni cattoliche: F.U.C.I., A.I.M.C., U.C.I.I.M., A.C.; amava seguire i giovani – aggiunge il Comune – in parrocchia e, se molti, oggi, divenuti cittadini di sani principi, lo debbono anche a lei. Alla fine degli anni ‘80, alla luce del nuovo statuto, il C.I.F. di Ravanusa, grazie al suo operato, ebbe nuove aderenti che, coscienti di una partecipazione più attiva e responsabile, spostarono il campo d’azione verso la promozione di azioni atti a rimuovere gli ostacoli che impedivano la piena partecipazione della donna alla vita politica e sociale.  Tanina Carmina è stata Presidente comunale dal 1989 al 1997, Presidente provinciale di Agrigento dal 1998 al 2003, membro del Consiglio regionale del CIF di Sicilia; le sue presidenze si caratterizzano per aver cercato di calare nella nostra realtà di donne e cittadine i principi dell’ Associazione, prediligendo la formazione delle aderenti e l’impegno nel sociale”.

“Il sindaco Carmelo D’Angelo e l’amministrazione da lui guidata, con questa intitolazione, hanno voluto rendere omaggio, accogliendo le richieste del CIF e della Fidapa, alla storia – scrive ancora l’ente – di Tanina Carmina, una donna che ha lasciato una traccia nella comunità di appartenenza e nelle donne che, oggi, continuano il cammino da lei segnato con lo stesso spirito, la stessa gratuità, la stessa tenacia che lei ha trasmesso”.   “Tanina Carmina – aggiunge l’ente – riuscita a coinvolgere Enti locali e istituzioni a sostegno del suo sogno: operare insieme, bene e con trasparenza a vantaggio dei più deboli della nostra societài diversabili. Il suo sogno diventa realtà quando nel 1992 costituisce il C.I.F“Casa dell’Amicizia”, un’associazione che tuttora svolge attività di volontariato con i diversamente abili, promuove servizi in loro favore, rispondendo ai bisogni dei singoli utenti e delle loro famiglie. Il suo sogno continua a realizzarsi quando, con un gruppo di donne aderenti al CIF, nel 1995 fonda il “Centro Amico” Onlus, un’associazione senza fini di lucro che eroga un servizio riabilitativo ambulatoriale per neuro e neuro-motulesi. Da anni i due Centri sono punti di riferimento e sostegno non solo per i ragazzi, ma anche e soprattutto per le famiglie di Ravanusa e dei paesi limitrofi. Un tragico incidente l’ha sottratta, brutalmente all’affetto di tutti, il nove giugno del 2010

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*