“Promuove la legalità”, il Cpia di Licata vince premio nazionale indetto dalla Polizia di Stato

Cpia di Licata

Con il fumetto “Il commissario Mascherpa. Operazione musicista”, realizzato dagli studenti della sede di Licata, il Centro provinciale per l’istruzione degli adulti di Agrigento ha ricevuto il Premio della Critica del progetto della Polizia di Stato “PretenDiamo Legalità”, iniziativa di sensibilizzazione in materia di educazione alla legalità e al rispetto delle regole promossa per l’anno scolastico 2020 – 2021.

“Questo Progetto/Concorso – si legge in una nota – ha previsto la realizzazione di webinar tenuti dal personale della Polizia di Stato, dedicati all’approfondimento dei temi della legalità, meglio specificati nella circolare n.1160 del 2/2/2021 del Ministero dell’Interno ed è stato avviato dall’Ufficio relazioni Esterne e Cerimoniale in collaborazione col Ministero dell’Istruzione. Esso è rivolto agli studenti degli istituti di ogni odine e grado situati in numerose province d’Italia tra le quali quella di Agrigento. L’iniziativa è destinata anche agli alunni delle scuole secondarie di primo grado e in concerto con il Ministero dell’Istruzione sono stati individuati temi inerenti i valori della Costituzione, della Legalità, del rispetto delle regole, della solidarietà, per contrastare ogni forma di discriminazione di genere, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali,  affrontando anche questioni concernenti i fenomeni del bullismo e della violenza di genere con l’intento di capire ed apprezzare la diversità come ricchezza per la crescita della società”.

“Tra le finalità dell’attività – si legge ancora nel documento – vi è rendere gli individui responsabili delle proprie azioni, perché le scelte quotidiane incidono sulla nostra vita e su quella degli altri; fare un utilizzo adeguato di internet e dei social per contrastare i fenomeni il cyberbullismo; promuovere la lotta al terrorismo, alla criminalità organizzata di stampo mafioso; comprendere la centralità del ruolo delle nuove generazioni, il concetto di legalità nei significati di giustizia e libertà, rispetto, uguaglianza, coraggio per insegnare ai ragazzi ad essere adulti liberi in grado di rispettare il prossimo e capaci di esprimere le proprie opinioni, avendo il coraggio di reagire alle ingiustizie, ai soprusi e all’illegalità. In ragione delle peculiarità della realtà territoriale, delle esigenze specifiche di ciascuna questura, il progetto è stato accompagnato dal testimone d’eccezione “Il commissario Mascherpa”: protagonista del graphic novel Edito da Poliziamoderna.  Attraverso le sue indagini i ragazzi hanno potuto conoscere l’esempio di una vita all’insegna della legalità”.

“Il vincitore di questa categoria – si conclude il comunicato – è stato decretato dallo scrittore e giornalista di spicco del panorama italiano Vincenzo Spagnolo, figura importante del quotidiano “Avvenire” che da tanti anni si occupa di giornalismo di inchiesta e di cronaca. Dell’elaborato,  realizzato graficamente da un alunno in particolare, Enzo Bonelli della classe 3 B,  la cui trama è stata sviluppata dalle classi 3 A e 3 B,  è stato detto che “ha racchiuso in se tutti i valori che il progetto PretenDiamo Legalità porta con sé. E’ una storia avvincente, raccontata con grande passione, trasporto, eccellente tratto grafico, ricco di particolari, che consente di cogliere con le immagini quanto di più utile al lettore per cogliere ogni dettaglio di questo breve ma bellissimo graphic novel. Il premio è stato consegnato al Dirigente Scolastico del Cpia di Agrigento, Santino Lo Presti e alla docente che ha seguito il Progetto, Helga Angela Arnone, da Egidio di Giannantonio, Vicario della Questura di Agrigento, accompagnato dal Commissario Capo della Polizia di Stato di Agrigento, Francesco Sammartino”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*