Primo week end di nuoto di fondo in archivio, per la città si tratta di una scommessa vinta

Licata Open Week

Una scommessa vinta, non si può definire in altro modo il successo del primo week end di “Licata Open Week”, la manifestazione di nuoto di fondo che ha radunato nella nostra città atleti (oltre a tecnici ed accompagnatori) giunti da ogni parte d’Italia.  

Un week end, a dire il vero, molto lungo. Basti considerare che la Nazionale Italiana Giovanile di nuoto di fondo è arrivata a Licata già mercoledì scorso ed il team guidato da Roberto Marinelli è ripartito solo ieri, dopo avere partecipato alla 5 km nel mare compreso tra Poliscia (spiaggia che per due giorni ha ospitato il campo di gara) e la Rocca.

Una cornice di pubblico straordinaria: i lidi così pieni, a metà settembre, non si erano visti. E’ questa è la prova che destagionalizzare si può, basta volerlo. Basta considerare la risposta della gente. Complice il bel tempo, le nostre spiagge sono ancora gremite da chi non vuole rassegnarsi a cedere il passo all’inverno.

La società Tri Rock che ha organizzato l’evento, il Comune che lo ha sostenuto, gli Stati Generali del Turismo che hanno fortemente voluto la manifestazione ed hanno contribuito in maniera determinante alla riuscita, possono dirsi soddisfatti. Del resto parlano i numeri: alcune centinaia di atleti presenti, numero raddoppiato se pensiamo a tecnici e familiari, alberghi e bed and breakfast pieni, idem per i ristoranti, un villaggio enogastronomico che ha presentato le eccellenze (molto apprezzate) del territorio, senza dimenticare i panorami mozzafiato.

Ma non è finita: un giorno di pausa e Licata deve prepararsi ad accogliere un altro evento importante, il triathlon (nuoto, corsa e bici) che nel prossimo week end tornerà a riempire la città. E poi, la domenica successiva, la Maratonina.

Un settembre indimenticabile!

(Foto Orlando Augusto) 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*