Primo parto in acqua al San Giacomo d’Altopasso: stamani Claudia ha dato alla luce Rosario

Parto in acqua

Si chiama Rosario Cusumano, pesa 4.310 grammi, sta benissimo e…è nato oggi. Si tratta del primo neonato (bellissimo tra l’altro) nato nel reparto di Ginecologia ed Ostetricia del San Giacomo d’Altopasso con il parto in acqua.

In precedenza, negli scorsi mesi, da quando nel reparto è stata attivata l’apposita vasca, c’erano stati alcuni travagli in acqua, ma parti mai.

Il primo ha avuto luogo stamattina.

Claudia Licata, 36 anni, già madre di due bambini (Angelo di 8 anni e Gioia di 4 anni) è arrivata in reparto alle 7.45 di oggi. Si è lasciata consigliare da medici ed ostetriche e, a metà mattinata, nella vasca dell’Ostetricia ha dato alla luce il piccolo Rosario. Accanto a lei, per tutto il tempo del travaglio (facilitato da musicoterapia ed aromaterapia) e del parto, il marito Pierangelo Cusumano, agricoltore di 38 anni.

A far partorire la signora, nel reparto guidato dal primario Luigi Li Calsi, sono stati i ginecologi Pinello Greco Polito e Daniela Americo, e le ostetriche Tiziana Avarello e Carmela Messina.

Mamma e bimbo stanno benissimo, e già domani, con molta probabilità, torneranno a casa.

“E’ stata – è il commento di Claudia Licata – un’esperienza bellissima, che consiglio a tutte. Assolutamente rilassante, gradevole”.

Aveva mai pensato al parto in acqua?

“Io ho già avuto due figli prima di Rosario – risponde la giovane donna – sempre con parti naturali. Qualche giorno fa, scherzando, ho detto a mio marito che mi sarebbe piaciuto provare l’esperienza del parto in acqua, ma appunto era solo uno scherzo. Stamattina, invece, quando sono arrivata in reparto, i medici e le ostetriche, visto che le mie condizioni e quelle di mio figlio lo consentivano, mi hanno proposto il parto in acqua. Non ci ho pensato due volte, ho accettato subito e non sono affatto pentita, anzi. Ringrazio tutta l’equipe del reparto per avermi dato questa possibilità. Mi sono sentita assistita adeguatamente in ogni momento”.

(Foto Claudia Licata)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*