Politica in fermento: Galanti nomina Castiglione, Aronica e Scrimali entrano in maggioranza

Calogero Scrimali

Non c’è che dire, quella di oggi è una giornata di grande fermento per la politica licatese.

Nella tarda mattinata di oggi il sindaco Pino Galanti ha nominato l’ex primo cittadino Carmelo Castiglione come settimo assessore della sua giunta. Nel pomeriggio è arrivato un comunicato stampa con il quale i consiglieri Calogero Scrimali e Gaetano Aronica annunciano il passaggio nella maggioranza che sostiene Galanti.

“Essendo venute meno le condizioni di incompatibilità politiche che, fino a questo momento, non ci consentivano di condividere – scrivono Aronica e Galanti – il progetto politico portato avanti dall’ amministrazione in carica, da questo momento i sottoscritti sentono forte la necessità di contribuire fattivamente a mettere in campo ogni azione utile a risolvere le tante problematiche che attanagliano la nostra città”.

“E’ utile rammentare – aggiungono i due consiglieri comunali – che le condizioni di cronica sofferenza di natura economico-finanziaria e l’ altro problema legato alle difficoltà dovute al restringimento delle risorse della pianta organica, impongono assunzioni di responsabilità straordinarie, per evitare in ogni modo che a pagare le conseguenze di una possibile condizione di dissesto finanziario, travolgerebbe l’ economia e lo stato sociale della nostra città”.

Scrimali e Aronica, inoltre, sperano che altri consiglieri comunali seguano il loro esempio.

“Ci auguriamo – si conclude infatti il comunicato stampa – che lo stesso spirito che ha promosso la nostra iniziativa possa essere condiviso da altre rappresentanze in seno al consiglio comunale. Oggi non può essere il momento delle polemiche ma delle proposte e del contributo personale per la soluzione delle tante problematiche presenti e patite dalla nostra collettività, come sempre abbiamo fatto. Questo abbiamo fatto anche quando eravamo seduti sui banchi dell’opposizione ed in quest’ ultimo caso anche votando ed appoggiando atti che andavano nell’interesse supremo ed esclusivo della nostra città”.

(Nella foto d’archivio il consigliere comunale Calogero Scrimali) 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*