Playa, la guardia costiera scopre (e sequestra) tubatura che scaricava acqua di fogna in mare

Fogna sequestrata

La guardia costiera di Licata ha rinvenuto, alla Playa, “una tubazione di grossa portata, di origine fognaria, da cui si riversava prodotto liquido maleodorante”.

Lo ha reso noto il Circomare cittadino, coordinato dal tenente di vascello Fabrizio Pilogallo.

“Alle porte del ferragosto, periodo di massima affluenza per la fruizione del pubblico demanio e delle coste da parte dei bagnanti, continua senza soste – scrive la guardia costiera – il lavoro svolto dall’Ufficio Circondariale Marittimo – Guardia Costiera di Licata, a tutela dell’ambiente in genere e a salvaguardia delle aree marine costiere. Nelle scorse ore, personale militare dell’ufficio di polizia ambientale della Guardia Costiera di Licata, coordinato dal Comandante, il Tenente di Vascello Fabrizio Pilogallo, a seguito di un’attività d’indagine rinveniva una tubazione di grossa portata di origine fognaria in località Fondachello – Playa del Comune di Licata, da cui si riversava prodotto liquido maleodorante”.

“L’attività di indagine in materia ambientale – si legge ancora nel comunicato stampa – ha permesso di accertare, grazie alle analisi tecniche espedite sul prodotto rinvenuto, la natura inquinante del refluo presente, riconducibile a prodotto fognario non depurato e la relativa contaminazione dell’ambiente marino costiero, nonché l’origine del prodotto stesso. Immediato l’intervento di personale tecnico che, chiamato ad operare da parte dei militari, hanno isolato la tubazione ed evitato il perpetrarsi del relativo fenomeno di sversamento del refluo in questione. Proseguono, intanto, i controlli ambientali da parte della Guardia Costiera al fine di consentire l’uso in sicurezza del mare e dell’arenile da parte dei bagnanti”.

dav

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*