Notte di fuoco a Licata, incendi distruggono le auto di due pescatori. Indagano i carabinieri

Vigili del fuoco al lavoro

Gli incendi notturni, purtroppo, tornano di moda a Licata. Nelle ultime settimane se ne sono registrati diversi.

Ben due auto sono state distrutte dalle fiamme all’alba di ieri. In entrambi i casi i mezzi appartenevano a pescatori licatesi ed i carabinieri della compagnia cittadina hanno avviato le indagini per stabilire le cause dei roghi. Sono ancora in piedi due ipotesi: dolo o incendio accidentale.

In via Giovanni da Verrazzano il fuoco ha distrutto il Fiat Doblò di un pescatore di 60 anni. Pochi minuti dopo un rogo ha ridotto in cenere l’Alfa 147 di un altro pescatore, di proprietà di un pescatore di 42 anni, parcheggiata in via Torquato Tasso.

In entrambi i casi a spegnere le fiamme sono stati i vigili del fuoco del distaccamento di corso Argentina.

I carabinieri, dopo avere eseguito il sopralluogo insieme ai pompieri, hanno avviato le indagini per stabilire la causa degli incendi.

L’ultimo incendio, prima di quelli che hanno distrutto le auto dei pescatori, si era verificato la settimana scorsa in via Generale La Marmora, dove le fiamme avevano distrutto l’utilitaria di una casalinga del luogo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*