“Noi anime fragili”, premiate le vincitrici del concorso letterario di Musamusìa

Musamusia

“Noi anime fragili” è il tema cui si sono ispirati i racconti di quanti hanno partecipato a “Raccontami, o musa”, il concorso letterario dell’associazione Musamusìa, presieduta da Lorenzo Alario, giunto già alla quinta edizione.

La premiazione ha avuto luogo ieri sera, nella sala convegni del Carmine.

Direttrice artistica del premio è Angela Mancuso, che ha condotto la serata, aperta da un messaggio di solidarietà rivolto alle donne afghane, scritto da Ester Rizzo e letto da Giuseppina Incorvaia.

Sono stati premiati i racconti “Niente è come sembra”, di Maria Grazia Alia (terzo posto), “Nel blu” e “Signorina”, di Simona Burgio ed Elena Musso (secondo posto ex aequo) e “La bic nera”, di Wilma Greco (primo posto). Di ogni racconto sono stati letti i passaggi più significativi con interventi curati da Raimondo Moncada, Luisa Biondi e Cettina Callea.

“Non è mancato – scrivono gli organizzatori – un emozionante momento musicale curato dalle sorelle Daisy e Alessia Chianetta che hanno eseguito la Sonata n.1 in la minore op. 115 per pianoforte e violino di Schumann. La giuria è stata composta dalle professoresse Francesca Bosa, Giuseppina Di Franco, Giuseppina Incorvaia e Rosaria Merro ed è stata presieduta dallo scrittore, attore e regista teatrale Raimondo Moncada”.

“Questa edizione – si conclude la nota – del premio si è avvalsa della collaborazione di Malgradotuttoweb. Il direttore Egidio Terrana, presente alla cerimonia, ha comunicato che tutti i racconti vincitori, ma anche quelli ritenuti particolarmente meritevoli, verranno pubblicati sul sito www.malgradotuttoweb.it“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*