Lo scoutismo a Licata compie 70 anni, domenica la festa dell’Agesci Licata 1° in piazza Sant’Angelo

Agesci Licata 1

Condividi

Lo scoutismo a Licata compie 70 anni e per l’occasione il Licata 1°, primo dei quattro gruppi scout presenti in città ad essere fondato, ha organizzato per domenica prossima, 11 novembre, nella ricorrenza della morte del fondatore don Carmelo Di Bartolo, i festeggiamenti.

Ecco il programma: alle 10 il raduno in piazza Sant’Angelo e a seguire l’issa bandiera, il saluto del sindaco ed il lancio di mongolfiere con i motti degli scout. Quindi l’inaugurazione della mostra fotografica sulla storia dello scoutismo a Licata. Alle 12 la celebrazione della messa, il rinnovo della promessa e la cerimonia in ricordo di scout e guide defunti. Si riprende alle 18 con il “Fuoco della Fratellanza scout”, il taglio della torta ed i fuochi d’artificio.

Stasera la comunità capi del gruppo Licata 1° ha diffuso una lunga nota che “racconta” i 70 anni di scoutismo a Licata. Ve la proponiamo integralmente.

“Ottobre 1948, un gruppo di ragazzi guidati dal giovane sacerdote Don Carmelo di Bartolo diedero vita nella Chiesa del SS. Salvatore allo Scautismo licatese. Nasce il gruppo Scout ASCI (Associazione Scout Cattolici Italiani) Licata 1°, da quella data sono trascorsi ben 70 anni e il gruppo Scout Licata 1° continua ancora oggi la sua attività educativa, dando vita nel frattempo anche altre realtà scout in diverse parti della città. Da quel fatidico 1948 migliaia di ragazzi hanno vissuto l’avventura scout. Sarebbe lungo fare l’elenco di quanti hanno lasciato una traccia nella storia del Licata 1, ricordiamo i pionieri di questo gruppo scout come il preside Guidotto,  il Prof. Cavaleri, il geom. Angelo Zagrì, il geom Licata, Angelo Bennici ( ritenuto il Capo Gruppo storico del Licata 1 ), il Dr. Giovanni Peritore, il Preside Calogero Carità, Angelo Dainotto, Roberto Di Cara (primo Capo Reparto Nautico del Licata 1), Enzo Bosa , Giovanni Cicatello e tanti ….tanti altri, a cui lo scautismo licatese deve la propria esistenza, il proprio fiorire , il proprio sviluppo.

Ma lo scautismo non fu insensibile anche al “ gentil sesso” e sull’entusiasmo generale che invadeva la città di Licata, sorsero le prime comunità di ragazze che decisero di vivere anche loro l’avventura scout, presto anche le “Guide”  affiancarono gli Scout contribuendo ulteriormente al diffondersi dei valori dello scautismo tra la gioventù licatese. Non possiamo non ricordare Rosalba Avarello, Carmelina Liotta, sino a giungere a Piera Filì e Maria Saporito, considerate queste ultime per molti anni i capisaldi del Guidismo licatese.

Nei primi anni 60 il Licata 1 sposta la propria sede dal SS. Salvatore nei locali della Chiesa Madre, Mons. Giuseppe Bellino raccoglie l’eredità di Don Carmelo e diventa il nuovo sostenitore dello Scautismo licatese. Da quel momento la Chiesa Madre diventerà la sede stabile del Licata 1. 

Gli anni settanta sono gli anni della crisi e il gruppo Licata 1 rischia di chiudere, la mancanza di lavoro e gli studi universitari costringono man mano un numero sempre maggiore di adulti a lasciare l’Associazione e ad emigrare in alta Italia. Un piccolo gruppo di sedicenni non se la sente di abbandonare l’avventura scout ed inizia a programmare la partecipazione ai campi di formazione per poter salvare dalla chiusura il Licata 1. E’ il periodo degli attuali Capi Gruppo Anna Curella e Ignazio Fiorella che insieme ad altri giovani decidono di non far morire la fiamma dello Scautismo.  Il 1972 rivede il gruppo Licata 1 riaprire le iscrizioni, numerosi giovani rispondono all’appello e l’ASCI e l’AGI censiscono nell’anno della riapertura ben 200 iscritti. Da quel momento in poi il Licata 1 si svilupperà sempre più, a dirigere il timone della rinata associazione scout Anna Curella e Ignazio Fiorella.

Nel 1974 a Roma avviene la fusione dell’ASCI e dell’AGI, nasce un’unica associazione l’AGESCI (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani). Il gruppo Licata 1 cresce sempre di più e negli anni 80 supera i 300 iscritti. Il Licata 1 inserisce nel proprio programma di sviluppo di fondare un altro gruppo scout in un’altra parte della città. Nel 1989 fonda e tiene a battesimo il Licata 2 invitando propri Capi a curare la crescita del nuovo Gruppo. Anna Alesci e Andrea Mulè sono invitati a dirigere come Capi Gruppo il nuovo gruppo scout Licata 2. Nello stesso periodo, grazie ai contatti con il geometra Licata, il gruppo Licata 1 fonda il MASCI (Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani ) con primo Magister il geometra Licata. Siamo negli anni 90 e il gruppo Licata 1 continua a crescere e a realizzare attività sempre più entusiasmanti ed educative per i propri iscritti. Questo è il periodo che viene inserito nel programma la nascita di un altro gruppo scout per offrire la proposta scout al popoloso quartiere di Oltreponte.

Grazie alla disponibilità del sacerdote Don Mario Capobianco si inizia a lavorare per la nascita di un altro gruppo, sempre con Capi provenienti dal Licata 1. Nasce così il Licata 4. Il Licata 1 manda a dirigerlo Marinella Graci e Marco Bernasconi. Ne ha fatta di strada questo Licata 1. Nel 1999 per festeggiare i 50 anni della propria fondazione, facendo tesoro dell’esperienza dei tre campi internazionali a cui ha partecipato, due in Germania e uno in Lussemburgo, organizza il primo Campo internazionale “ Fratellanza Mediterranea “ nel bosco “ Galluzzo “ ospitando scout dell’Egitto, Grecia, Tunisia, Algeria e Malta. Nel 2004 , forti della prima esperienza, il Licata 1 festeggia 55 anni organizzando il 2° Campo internazionale “ Fratellanza Mediterranea “  con la partecipazione di circa 300 scout provenienti da diverse nazioni  del mediterraneo.  

La Comunità Capi del Licata 1, guidata da Anna Curella e Ignazio Fiorella, presenta richiesta ed ottiene dal Comune che la villetta accanto al Campo Sportivo venga intitolata al fondatore dello Scautismo mondiale  “Lord Baden Powell“. Tante altre esperienze hanno caratterizzato la storia di questo gruppo , come il Servizio con gli ammalati a Lourdes, l’intervento a fianco della protezione civile a spalare fango in occasione dello straripamento del fiume Salso, il servizio presso la tendopoli dei terremotati a Carlentini e Francofonte, il servizio in Albania per la sistemazione di una scuola elementare e così via. Arriviamo così ai giorni nostri, il nuovo anno scout 2018 – 2019, il Licata 1 compie 70 anni”.

La comunità capi del Licata 1 ha annunciato che “in occasione del San Martino Fest, organizzato dal Comune di Licata, il gruppo Agesci Licata 1 parteciperà con due stand, uno di branca E/G e uno di branca R/S, con dolci e vino cotto preparato dai ragazzi”.  

(Foto Ignazio Fiorella)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*