#licatesi a casa…nel mondo. Angelo, colonna portante di Video Faro, ora vive e lavora a Como

Angelo Dainotto

E’ a Como che ci porta stasera #licatesi a casa…nel mondo, la nostra rubrica che ormai da alcuni mesi ci consente di raccontare come i licatesi che abitano lontano dalla terra natia stanno vivendo al tempo del Coronavirus.

Pubblichiamo la testimonianza di Angelo Dainotto, che ha lasciato Licata 26 anni fa, dopo essere stato una delle colonne portanti di Video Faro Licata sin dalla sua fondazione. Dainotto si occupava di riprese, montaggio e regia. Con il suo spirito, sempre pronto alle nuove sfide, contribuì a tenero unito, ed a far crescere, un gruppo di giovani (giornalisti, operatori di ripresa, registi) che a cavallo tra la fine degli anni ’80 e fino a metà dei ’90 “raccontò” la città.

Ecco il racconto di Angelo Dainotto.

“Mi chiamo Angelo Dainotto sono nato e ho vissuto a Licata fino all’età di 28 anni…quando nel lontano 1996 per mia libera scelta ho deciso di dare un arrivederci alla mia bella e amata Licata.

Licata l’ho vissuta in modo intenso, sia a livello affettivo/familiare che professionale, ho una miriade di bei ricordi, sicuramente risalta la mia esperienza lavorativa maturata in quegli anni presso l’emittente televisiva di Video Faro Licata…a distanza di quasi 26 anni ricordo ancora quel gruppo unito e compatto dove tutto era compiuto con spirito di voler far bene e informare la città di quanto accadeva in quegli anni.

Oggi vivo a Como dove mi occupo di tutt’altro, lavoro per il comune di Como nel settore della mobilità.

In Lombardia questi ultimi mesi non sono stati certamente mesi tranquilli anzi direi proprio il contrario…ci sono stati frangenti dove abbiamo veramente avuto paura per la nostra incolumità, per fortuna attualmente sembra che il maledetto virus stia per dare una tregua almeno stando ai numeri nettamente in calo.

Volevo approfittare di questa occasione per mandare un abbraccio a tutti i miei familiari, amici e compaesani di Licata.

Spero di rivedervi presto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*