“Licata città sicura”: varata in Prefettura la “cabina di regia” per combattere la criminalità

Il prefetto Cocciufa

Vertice in Prefettura oggi, convocato dal prefetto Maria Rita Cocciufa, per creare una “cabina di regia” capace di combattere la criminalità organizzata ed il disagio sociale a Licata.

E’ stato siglato il patto “Licata città sicura” che “rappresenta – ha detto il prefetto – la naturale conseguenza di quanto era stato stabilito lo scorso 3 febbraio in occasione della riunione a Licata del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica”.

“Licata – ha aggiunto il prefetto di Agrigento – è una realtà molto complessa dal punto di vista sociale, per la disoccupazione malgrado si tratti di una città ricca, per la permeabilità del territorio alla criminalità. Perciò abbiamo ritenuto opportuno creare questo strumento pattizio che potrà consentire un approccio di grande collaborazione con l’amministrazione comunale”.

“Costituiremo – ha aggiunto il prefetto – una cabina di regia, presieduta da un dirigente della prefettura, che coordinerà forze dell’ordine rappresentate all’interno dello strumento, il comandante della polizia municipale, la Chiesa e l’Ufficio scolastico provinciale. Stato ed ente locale lavoreranno insieme per migliorare condizioni di vita dei cittadini”.

Il sindaco di Licata Pino Galanti, che ha siglato il “patto” con il prefetto Cocciufa, ha rilevato che “la vendita di stupefacenti ed il non rispetto delle regole vanno combattute. E’ giusto che le autorità tutte intervengano su territorio”.

(Nella foto il prefetto di Agrigento Maria Rita Cocciufa)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*