Libri, al “Taobuk Festival” di Taormina è stato costituito il “Manifesto dei Patti per la Lettura”

Antonela Ferrara

A Taormina, nello scorso week end, c’è stato “Taobuk Festival” e durante i lavori sono è stato steso il “Manifesto dei Patti per la Lettura”, “un articolato simposio – si legge in una nota – di comuni, sindaci, regioni e istituzioni, che ha visto nascere il manifesto programmatico in 10 punti, che per la prima volta identifica nei libri e nella lettura risorse strategiche su cui investire con l’obiettivo di migliorare il benessere individuale e dell’intera comunità”.

“L’intendimento – scrive Annamaria Milano, ambasciatore della lettura Cepell – è quello di rendere la lettura accessibile, senza lasciare indietro le categorie più fragili, è un altro obiettivo fondamentale del Manifesto: allargare la base dei lettori e delle lettrici abituali e consolidare le abitudini di lettura, rivolgendo un’attenzione particolare agli ambiti in cui si registra un basso livello di partecipazione culturale”.

“Ecco – aggiunge Milano – in sintesi i 10 punti del Manifesto:

         1.      #LETTURA

I Patti per la lettura sono strumenti di governance riconosciuti dalla legge 15/2020 per la promozione e sostegno della lettura che il CEPELL promuove con il progetto #cittachelegge;

         2.      #PIACERE DI LEGGERE E #COESIONE SOCIALE

I Patti considerano i libri e la lettura risorse strategiche su cui investire con l’obiettivo di migliorare il benessere individuale e dell’intera comunità, favorendo il piacere di leggere, la coesione sociale e stimolando lo sviluppo di pensiero critico della cittadinanza;

         3.      #RETE #RESPONSABILITÀ #COMUNITÀ #COLLABORAZIONE

I Patti per la lettura vengono adottati dai Comuni (Patti comunali), anche in forma aggregata (Patti intercomunali), e possono essere adottati dalle Regioni (Patti regionali), al fine di costituire una rete di collaborazione permanente su un territorio;

         4.      #COORDINAMENTO

I Patti per la lettura vengono costituiti da entità pubbliche, biblioteche, scuole, associazioni, librerie, case editrici, fondazioni, ospedali, consultori, gruppi di lettura, istituti culturali, enti del terzo settore e altri soggetti che ne condividono le finalità;

         5.      #LEGGERE #INCLUSIONE

I Patti per la lettura agiscono per allargare la base dei lettori e delle lettrici abituali e consolidare le abitudini di lettura, per avvicinare alla lettura i non lettori, i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze, i nuovi cittadini, includere le categorie più fragili, rivolgendo un’attenzione particolare agli ambiti in cui si registra un basso livello di partecipazione culturale;

         6.      #IDENTITA’ #PARTECIPAZIONE

I Patti per la lettura, il cui capofila è il Comune, sono formalmente approvati con una delibera di giunta che, premettendo le caratteristiche di quel territorio, individua la missione e gli obiettivi generali di promozione della lettura, rispetto al proprio contesto, ed elenca in dettaglio i diversi sottoscrittori che lo stipulano;

         7.      #CONDIVISIONE #COOPERAZIONE #COMPETENZE  #CIRCOLARITÁ

I Patti per la lettura mirano a creare una vera e propria sinergia tra tutti i sottoscrittori e stabiliscono un tavolo di coordinamento per l’organizzazione e la comunicazione delle attività. Ciascuno dei sottoscrittori, oltre a mettere a disposizione le proprie competenze al fine di organizzare azioni congiunte, si impegna a informare gli altri sottoscrittori delle proprie attività, affinché si crei una condivisione delle buone pratiche;

         8.      #COPROGETTARE #DIFFONDERE

I Patti per la lettura hanno il duplice intento di dare continuità e vigore alle iniziative di promozione della lettura già collaudate sul territorio e di svilupparne di nuove e innovative, divenendo incubatori di idee e di linfa vitale di progetti in rete partecipando a bandi e ottenere finanziamenti;

         9.      #EFFICACIA #IMPATTO

I Patti per la lettura vengono censiti dal Centro per il libro in una Banca Dati dedicata in cui   si prevede di impostare un set di indicatori per la valutazione di impatto degli stessi in modo che il lavoro sui territori si possa analizzare e misurare, e anche migliorare;

         10.    #CAMBIAMENTO #EVOLUZIONE #APERTURA #VALORE #IMPEGNO

I Patti, espressione dell’impegno e della vitalità di un territorio, possono rinnovarsi per accogliere nuove forze e creare valore nel cambiamento, esprimendo, attraverso questi strumenti, la continua evoluzione di luoghi e idee”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*