Le lavagne di Ireneo diventano 3, ora tutti possono scrivere pensieri o indicare ricette

Calogero Inguanta

Ireneo Moscato non lascia…raddoppia!

Sulla scorta del consenso ottenuto con la sua lavagna sistemata sulla motoape in sosta davanti al negozio di ortofrutta di cui è titolare, lavagna (su cui esprime pensieri arguti ogni giorno) che nei giorni scorsi è finita anche su Striscia la Notizia, ha deciso di consentire anche a coloro i quali raggiungono “Nni Carusi” di via Palma di lasciare un pensiero, di raccontare la loro giornata, o di scrivere una ricetta perché tutti gli altri possano farne tesoro.

Così Ireneo Moscato ha sistemato altre due lavagne all’interno del suo negozio ed invita i clienti ad utilizzarle.

“Ho lanciato l’iniziativa due giorni fa – dice il commerciante licatese che è anche attore teatrale – ed il riscontro è stato immediato. Ho sollecitato alcune delle persone entrate in negozio ad usare le lavagne, ed a loro ha fatto piacere. C’è chi ha scritto la ricetta del suo piatto preferito, chi ha espresso un pensiero, chi si è raccontato grazie ai gessetti”.

“Stamatina unnè serata” ha scritto Calogero Inguanta su una delle lavagne, mentre Mariantonietta Antona ha scritto “Chi si emoziona con poco, ha capito che nelle piccole cose c’è l’immenso”. Stefania Posata ha vergato sulla lavagna la ricetta delle “Pizzette di melanzane” (guardate la foto qui sotto per conoscere ingredienti e procedimento). Alexa Iacona ha iniziato a disegnare un volto, utilizzando soltanto gli ortaggi.

Insomma l’idea è piaciuta.

“Trovo – conferma Ireneo Moscato, che negli scorsi mesi è finito alla ribalta della cronaca anche per avere regalato alcune migliaia di carciofi ai tifosi palermitani giunti in città in occasione del derby tra Licata e Palermo) – che in questo modo i miei clienti, ma anche chi decide occasionalmente di entrare in negozio per fare due chiacchiere, abbiano la possibilità di esprimere ciò che hanno dentro. Mi fa piacere che l’idea sia stata apprezzata, ed invito tutti ad utilizzare le lavagne”.

(Foto Ireneo Moscato)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*