La Confraternita di San Girolamo farà restaurare un antico dipinto del patrono Sant’Angelo

Esaltazione della Croce Confraternita

La Confraternita di San Girolamo della Misericordia ha celebrato l’Esaltazione della Croce nel santuario di Sant’Angelo, ed ha rinnovato la collaborazione con i Fratelli della Beata Maria Vergine del Monte Carmelo.

“Emozionante – si legge in una comunicato della confraternita – la consegna da parte del Governatore Angelo Gambino di una pergamena a padre Nino Mascali, Rettore del Santuario Diocesano di Sant’Angelo Martire, Patrono di Licata. Subito dopo la consegna in custodia alla Confraternita da parte del Rettore Mascali di un dipinto del pittore Spina, raffigurante l’effige di Sant’Angelo, con lo scopo del restauro e della custodia dello stesso all’interno della Chiesa di San Girolamo nel quartiere Marina, per offrire la disponibilità ai fedeli della venerazione del Santo Patrono”.

“La cerimonia – aggiunge la nota – è stata curata dalla Confraternita di San Girolamo nei minimi particolari. Dalla Croce trasportata da tre giovani Aspiranti Confratelli, allo stendardo della Confraternita retto da tre Confratelli con il saio bianco che caratterizza la processione della sera del giovedì e venerdì santo. Fino all’esibizione del coro diretto e animato dal confratello Salvatore Russo con il brano Misericordia. La Messa è stata concelebrata da Padre Nino Mascali, dall’Assistente Spirituale della Confraternita, Don Totino Licata, e da Padre Salvatore Cardella Vice Parroco della Chiesa Madre. Anche l’omelia del Rettore Mascali è stata particolarmente intensa in un percorso tra il sacrificio di Cristo e quello del Patrono Sant’Angelo”.

“La cerimonia si è aperta – si conclude la nota – con la preghiera del Confratello letta dal Governatore Gambino e si è conclusa la preghiera al Patrono Sant’Angelo letta dal Delegato alla Cultura Francesco Pira. Guidati dai tre sacerdoti officianti il Governatore Angelo Gambino, il Vice Governatore, Angelo Maria Licata, i Governatori Onorari Salvatore Bonelli e Giovambattista Platamone e i Consiglieri di Amministrazione Giuseppe Alaimo, Adriano Ruvio, Giuseppe Pintacorona, Maurizio Santamaria e Carmelo Lauria, hanno reso visita alla cripta dove sono custodite le spoglie di Sant’Angelo. Tutto si è svolto rispettando le norme di prevenzione per il Covid 19. La Confraternita ha messo a disposizione le mascherine e il liquido igienizzante per le mani, obbligando tutti i fedeli ad utilizzare entrambi i presidi. La Confraternita di San Girolamo celebrerà il prossimo 30 settembre nella Parrocchia San Giuseppe Maria Tomasi la santa messa in onore di San Girolamo. Anche questa cerimonia per garantire il distanziamento sociale, come è avvenuto nel Santuario di Sant’Angelo, si svolgerà lontano dalla Chiesetta di San Girolamo, sede della Confraternita,  ma nella Parrocchia di San Giuseppe Maria Tomasi retta dall’Assistente Spirituale Don Totino Licata, che ha ampi spazi a sedere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*