La Befana della “Putia” e la “Pasturali” degli zampognari hanno concluso le feste

La Befana della Putia

Ancora una volta a “Putia du Cuntastorie”, il laboratorio culturale coordinato da Mel Vizzi, si è contraddistinto per il racconto della tradizione.

La poetessa licatese Angela Torregrossa, ieri sera, ha indossato i panni della Befana ed ha accolto tutti i bambini che passavano davanti alla “Putia”, in corso Vittorio Emanuele, donando loro caramelle e palloncini. L’attività, durata per tutta la sera, è stata svolta insieme ad alcuni altri collaboratori della “Compagnia del Cuntastorie”.

La sera prima, il 5 di gennaio, ad animare il centro storico con la tradizionale “Pasturali”, erano stati gli zampognari dell’associazione “Vincenzo Calamita”, guidati da Ivan Frisicaro. Gli zampognari, indossando gli abiti tradizionali dei pastori, hanno dato vita alla rappresentazione in piazza Elena.  

(Foto Angela Torregrossa ed Ivan Frisicaro)

Pasturali

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*