“Isole verso nuove frontiere”. Riesi è pronta ad ospitare l’evento internazionale TEDx

Peppe Toninelli

TEDx, il format di talks più celebre al mondo, approderà a Riesi e porterà sul palco speaker di altissimo livello per presentare le proprie “idee che meritano di essere diffuse”, proprio come previsto dallo spirito TED.

 “TEDxRiesi – scrivono gli  organizzatori – nasce come occasione di confronto per il territorio: per questo motivo, nonostante la difficile situazione, il team organizzatore ha voluto mantenere vivo il progetto e aspettare il momento migliore per portare un evento come il TEDx a Riesi”.

“L’allentamento delle misure restrittive e l’aumento dei soggetti vaccinati hanno permesso finalmente di programmare gli eventi in sicurezza per i prossimi mesi – commenta Giuseppe Toninelli, Organizer e Licensee-. TEDxRiesi è un evento complesso che vuole coinvolgere il territorio e farlo dal vivo era fondamentale per permettergli di esprimere le sue potenzialità”.

Riparte così la macchina organizzativa composta da un team di oltre 20 professionisti sparsi in tutta Italia per dare vita il 18 settembre 2021 al primo TEDx della provincia di Caltanissetta.

A partire da luglio verranno rese note le modalità di acquisto dei biglietti e soprattutto si potranno scoprire tutti gli speaker che racconteranno le loro interpretazioni del tema “Isole verso nuove frontiere”. 

TEDxRiesi, che ha ricevuto da parte dell’organizzazione centrale di TED (che ha sede a New York) la LICENSE +100, amplia così la propria platea ad un pubblico oltre le 100 persone.  Un traguardo significativo che ha spinto il team ad ambientare l’evento in uno spazio di valore più ampio e in grado di ospitare le persone in sicurezza.

“La location prescelta – aggiungono gli organizzatori – racconta l’intento di TEDxRiesi di coinvolgere il territorio, valorizzando il patrimonio esistente: l’evento si svolgerà infatti nel Museo delle Solfare di Trabia-Tallarita, situato nei pressi della miniera omonima, tra Sommatino e Riesi, tra le eccellenze del patrimonio culturale della Valle del Salso”.

“Il Museo è uno spazio didattico-multimediale in cui sono stati ricostruiti vari aspetti dell’attività delle miniere di zolfo: dalle strutture edili a quelle industriali, alla vita degli uomini impiegati nelle varie fasi della lavorazione – spiega Luigi Maria Gattuso, Direttore del parco Archeologico di Gela -. Ed è emblematico il fatto che un evento che parla di futuro e di sviluppo economico e sociale come il TEDxRiesi venga realizzato in un sito di archeologia industriale che ha “dominato” la vita economica e sociale della comunità locale per secoli. Come Parco Archeologico abbiamo già da qualche mese attivato delle linee d’azione per i diversi siti, per questo motivo abbiamo subito deciso di supportare il progetto che sono certo getterà nuovi semi e idee utili a contribuire al rilancio del territorio”.

Il Museo delle Solfare di Trabia-Tallarita rientra tra i siti nisseni coordinati dal Parco Archeologico di Gela. Si tratta di uno straordinario esempio di archeologia industriale immerso in un contesto naturale di grande bellezza, un importante luogo della memoria per tutto il territorio L’attività estrattiva ha origini antichissime e ha caratterizzato non solo l’economia, ma anche la vita, la cultura, i costumi, le tradizioni dell’intera comunità della Valle del Salso. Quella di Trabia-Tallarita era la più grande ed importante miniera della Sicilia e nel periodo di massimo splendore – intorno al 1920 – si estraeva qui il 12% della produzione mondiale di zolfo con 3000 minatori che lavoravano incessantemente nel sottosuolo.

Il TEDxRiesi ha inoltre coinvolto diversi attori della comunità locale, tra cui il Comune di Riesi.

“Portare un format internazionale come il TEDx a Riesi è sicuramente un motivo di orgoglio per tutta la comunità e come amministrazione non potevamo che dare il nostro supporto – commentano Salvatore Chiantia e Franco La Cagnina, rispettivamente sindaco e assessore al Turismo del Comune di Riesi -. Riesi entrerà a far parte di un circuito seguito in tutto mondo, e grazie al TEDxRiesi si aggiungerà un nuovo tassello ad un racconto nuovo e diverso di questo territorio che ha bisogno di iniziative come queste per crescere. Un ringraziamento va quindi a tutto il team che da mesi lavora per questo evento”.

Il TEDxRiesi segna inoltre il ritorno di A.GI.S.CO.: sarà, infatti, la storica associazione di promozione sociale e culturale riesina a supportare l’evento: “Sin dalla sua nascita A.GI.S.CO, è stata sempre molto attiva nel territorio promuovendo moltissime attività culturali – dice Toninelli, che oggi presiede l’associazione -. Negli ultimi anni ha perso questo ruolo: ridare nuova linfa alla sua missione,. ripartendo da un evento così importante come il TEDxRiesi, è sicuramente ciò che questa associazione merita per la sua storia e ciò che ha fatto in tutti gli anni di attività per Riesi”.

2 Comments

  1. Tutto lo zolfo prodotto nella miniera Trabia Tallarita, per mezzo di una teleferica, veniva trasportato alla stazione di Campobello-Ravanusa e da qui con i treni a Licata, dove veniva raffinato e spedito via mare ai mercati interni ed esterni. La presenza di questa importante miniera stimolò anche la realizzazione di un tronco ferroviario da Canicattì a San Michele di Ganzaria, scalo sulla ferrovia a scartamento ridotto Caltagirone-Piazza Armerina, che se realizzato a scartamento normale (come era stato preventivato) avrebbe velocizzato i collegamenti ferroviari per l’intero comprensorio da e per Catania. Purtroppo si scelse con per altri tronchi lo scartamento ridotto, già obsoleto al tempo della realizzazione. Vennero realizzate le opere murarie fino a Riesi (piattaforma, ponti e stazioni), ancora in buona parte visibili, ma come per altri tronchi ferroviari in Sicilia, la crisi dello zolfo, motivi economici, ma soprattutto la scarsa utilità dello scartamento utilizzato (distanza tra le due rotaie 0,950 mm) contribuirono a non fare attivare la tratta, che rimase incompiuta come altre della Sicilia.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*