Il motociclista morto sulla 115, il giorno dei funerali sarà lutto cittadino a Palma

La volante del commissariato di polizia di Licata

Stefano Castellino, sindaco di Palma di Montechiaro, stamani ha confermato che nel giorno dei funerali di Salvatore Leonardo D’Alessandro sarà proclamato il lutto cittadino. La data delle esequie si conoscerà non appena sarà reso noto se il pm Andrea Maggioni, che coordina le indagini sull’incidente dello scorso sabato, deciderà se fare eseguire o meno l’esame autoptico sul corpo dello sfortunato motociclista di Palma di Montechiaro. 

“Apprendiamo un’atroce notizie, un nostro giovanissimo concittadino, un ragazzo di 26 anni ha perso la vita! Non esistono parole – aveva scritto ieri su Facebook il sindaco di Palma di Montechiaro – per questi eventi strazianti! Il sindaco e la giunta si uniscono al dolore della famiglia per l’incolmabile perdita! Riposa in pace Leonardo!”.

L’incidente, come si ricorderà, si era verificato intorno alle 21 di sabato scorso in contrada Burrainiti, tra il Villaggio Mosè di Agrigento e la statale 115. Salvatore Leonardo D’Alessandro aveva perduto il controllo della propria Kavasaki 600 finendo fuori strada e morendo sul colpo. La tragica dinamica dell’incidente è stata chiarita nel corso della notte, quando uno studente universitario di 24 anni di Favara si è presentato alla tenenza del suo paese dicendo che era stato lui, ovviamente in maniera del tutto accidentale, ad urtare con la sua auto la motocicletta. Il giovane è stato iscritto nel registro degli indagati per omicidio colposo. E’ stato anche sottoposto, al San Giovanni di Dio di Agrigento, ai test utili a scoprire se aveva assunto alcol o droghe. Gli esami sono risultati negativi, il giovane alla guida della Fiat Punto era sobrio.

Per Palma di Montechiaro, dopo quella dell’imprenditore morto nelle scorse settimane a causa dell’incidente con il parapendio, si tratta della seconda tragedia nel giro di pochi giorni. 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*