Il carcinoma alla prostata è il tumore più diffuso tra gli uomini, specialisti a confronto

Antonino Savarino

Il carcinoma prostatico rimane il tumore più frequente negli uomini, tanto che nei soggetti di sesso maschile rappresenta oltre il 20% dei tumori diagnosticati dopo i 50 anni. Ogni anno in Italia vengono diagnosticati più di 35.000 nuovi casi di tumore della prostata.

“La gestione pluridisciplinare del carcinoma prostatico: dalla ricerca alla pratica clinica”, è il tema sul quale gli specialisti (oncologi, urologi e radioterapisti) si confronteranno il prossimo 23 ottobre nella sala delle conferenze dell’Hotel Della Valle di Agrigento.

Responsabile scientifico del congresso è il dottor Antonino Savarino, Primario dell’Unità Operativa Complessa di Oncologia Medica dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento.

L’innovazione delle tecniche chirurgiche e radioterapiche ed il maggior numero di farmaci oggi disponibili, rendono necessari una rivisitazione dei percorsi diagnostici-terapeutici  del carcinoma prostatico ed un approccio pluridisciplinare nella gestione di questa neoplasia. Tale gestione deve necessariamente coinvolgere oncologi, urologi e radioterapisti che, insieme, devono “ricucire” il trattamento su ogni singolo paziente.

“La necessità – commenta il dottore Savarino – di un percorso diagnostico terapeutico condiviso che coinvolga ospedale e territorio, non ha solo lo scopo di migliorare la qualità dell’assistenza clinica ma anche di razionalizzare le limitate risorse finanziare, evitando sprechi inutili in ambito diagnostico e terapeutico”.

Le acquisizioni scientifiche degli ultimi anni e i nuovi farmaci messi a disposizione dell’oncologo, hanno migliorato la sopravvivenza e la qualità di vita dei pazienti affetti da tumore della prostata.

“Scopo di questo incontro – conclude il direttore del congresso – è di rivedere lo stato dell’arte della terapia del carcinoma prostatico e soprattutto di condividere insieme urologici, oncologi, radioterapisti e MMG un percorso di qualità assistenziale omogeneo su tutto il territorio”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*