Il barocco della chiesa di San Francesco torna, finalmente, ai licatesi

L'inaugurazione della chiesa di San Francesco

Questa sera, intorno alle 18, è stata riaperta la chiesa di San Francesco. Il tempio barocco, che fa parte del convento dei francescani, completamente riedificato dopo la devastazione dei pirati del 1553, è stata restituita alla fruizione, anche se è ancora un cantiere. Non sono stati ultimati, infatti, i lavori di restauro, ma è grazie all’iniziativa “Cantieri della conoscenza”, a cura della Soprintendenza ai beni culturali di Agrigento, che da stasera è possibile visitare la chiesa.

Alla cerimonia inaugurale hanno partecipato il sindaco Angelo Cambiano, alcuni assessori, il direttore dei Beni culturali della curia di Agrigento don Giuseppe Pontillo, e Bernardo Agrò, responsabile della sezione per i beni architettonici e storico – artistici della soprintendenza. 

La chiesa di San Francesco è chiusa ormai da otto anni. A quanti, questa sera, hanno partecipato all’inaugurazione, è stato possibile visitare anche la splendida cappella dell’Infermeria che si trova al primo piano del tempio. Anche quest’area è stata restituita alla fruizione, ma per raggiungerla bisogna indossare i caschi per proteggersi la testa. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*