“HOMODEUS. Il dilemma dell’uomodio”. Ecco la Biennale d’Arte Contemporanea del Gattopardo

Palma biennale

Biennale d’Arte Contemporanea del Gattopardo.

E’ così che si chiama il nuovo progetto culturale, artistico – letterario, dell’amministrazione comunale di Palma di Montechiaro, guidata dal sindaco Stefano Castellino.

“L’idea, proposta dall’attivissimo Gruppo di Lavoro “Io sono P.A.L.M.A.”, composto da Angela Rinollo, Giuseppe Todaro e Marilena Vaccaro, è stata affidata – si legge in una nota diffusa dal Comune – nella sua realizzazione, materiale e visiva, al brillante curatore salernitano Michele Citro, organizzatore di diverse importanti rassegne artistiche che hanno ottenuto grande successo di pubblico e di critica. In particolare si ricorda “Idilli Cromatici. Omaggio a Leopardi a 200 anni dall’Infinito” (Città della Pieve, 2020) e “Tra Inferno e Paradiso XX/21” (Anagni, 2021)”.

“Per questa prima edizione della Biennale, che sarà l’edizione 0, il tema suggerito da Michele Citro e condiviso dal Gruppo Io sono P.AL.M.A. , nonché da tutti i promotori del progetto, è: “HOMODEUS. Il dilemma dell’uomodio”. Gli artisti selezionati – si legge ancora nella nota – ed invitati a partecipare, tra italiani e stranieri, saranno oltre una cinquantina. Compito di questi ultimi sarà quello di rendere, dal 23 Aprile all’8 Maggio 2022 il Palazzo Ducale del Gattopardo e l’intero territorio di Palma di Montechiaro, un polo d’attrazione, ricercato e di qualità, per tutti gli appassionati e gli estimatori dell’arte contemporanea. Ad arricchire il tutto conferenze a tema, premiazioni e manifestazioni volte a coinvolgere l’intera comunità palmese, e non solo”.

“E’ prevista, inoltre, in alcune aree della Città l’installazione permanente di alcune opere rappresentative dei tre noti artisti di arte contemporanea, Myriam Cappelletti, Vittorio Vertone e Alunni Tullini. Un evento – aggiungono gli organizzatori – che mira ad avviare per l’intero hinterland nuovi ed originali percorsi di sviluppo e di crescita: Palma di Montechiaro si mette ancora una volta in gioco rendendosi protagonista nel settore culturale, proiettandosi in un contesto internazionale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*