Guida ai ristoranti di Identità Golose: “La Madia uno dei templi sacri dell’alta cucina italiana”

Pino Cuttaia a Masterchef

“L’eccellenza, diceva Aristotele, non è un atto ma un’abitudine. La Madia continua a essere teatro di meraviglie confermandosi uno dei templi sacri dell’alta cucina italiana e l’ispiratissimo Pino Cuttaia, da tempo eminenza consolidata della ars coquinaria contemporanea, appare in una smagliante forma creativa ed esecutiva”.

E’ così che inizia la recensione del ristorante dello chef bistellato licatese, contenuta nella “Guida 2019 ai ristoranti d’autore in Italia” di Identità Golose, giornale – istituzione della cucina italiana.

A firmare il pezzo su Pino Cuttaia è Davide Visiello che, tra le altre cose, scrive: “per l’ospite è un viaggio che inizia nell’elegante sala, tra legno chiaro e scene quotidiane: il punto di partenza resta l’ingrediente di stagione e di territorio, il ricordo e il racconto diventano spinte propulsive, un’impeccabile sapienza tecnica si fa regola di trasformazione e i piatti risultati straordinari sempre ad effetto, comprensibili e in perfetto equilibrio”.

“Tra imperdibili must ed emozionanti novità – aggiunge Identità Golose -si snoda la proposta gastronomica della carta: la croccantezza golosa del Merluzzo in affumicatura di pigna e la sapida grazia della Nuvola di Caprese sono soli splendenti che non tramontano mai; inno alla sostenibilità e celebrazione della pesca, il sensazionale Quadro di alici in acqua di mare rappresenta il piatto simbolo del nuovo corso dello chef oggi schierato a difesa del pianeta, promotore del rispetto dell’ambiente e dello scambio di culture sul Mediterraneo”.
E così Davide Vitiello conclude: “Dallo studio sul recupero degli scarti, nasce la Crème brûlée di polpo: cefalopode tagliato a rondelle, spuma di patate con panna di bufala e, a ricoprire, una cialda croccante e sottile fatta con la guaina dello stesso polpo frullata e poi cotta in padella”.

Si tratta, insomma, dell’ennesimo riconoscimento allo chef licatese Pino Cuttaia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*