“Giornata mondiale del teatro”, applausi al “Re Grillo” per l’iniziativa di “Dietro le Quinte”

Franco Bruno e Nicola Puleo

Da dieci anni l’associazione “Dietro le Quinte”, presieduta da Nicoletta Bona, organizza ininterrottamente la “Giornata mondiale del Teatro”, così come si fa in tutto il mondo. Lo scorso 27 marzo l’associazione ha tenuto aperte le porte de “Re Grillo” dalle 8.30 alle 23. Di mattina ci sono state le visite delle scuole, di sera la piéce teatrale “Sono le storie che fanno ancora paura ai mafiosi”.

“Tutti i ragazzi, guidati dalle loro insegnanti, hanno potuto provare l’emozione – scrive “Dietro le Quinte” – di salire sul palcoscenico e recitare, diventando protagonisti per un giorno della “Giornata Mondiale del Teatro”, in occasione della quale un personaggio del mondo dello spettacolo è invitato a scrivere un messaggio internazionale sul teatro, che viene letto in tutti i teatri prima di ogni rappresentazione. Un messaggio che vuole propagandare la pace nel mondo parlando di teatro e delle sue grandi potenzialità nell’unificare i popoli senza tenere conto delle differenze di razza, di colore o religione. Il messaggio di quest’anno è stato scritto dal drammaturgo e regista cubano Carlos Celdran ed è stato letto prima dello spettacolo dal titolo “Sono le storie che fanno ancora paura ai mafiosi” di Franco Bruno, messo in scena dall’Associazione Teatroltre di Sciacca. La piece ha messo in risalto le capacità attoriali dei due bravissimi protagonisti, Franco Bruno e Nicola Puleo, ai quali un pubblico molto attento ha riservato grandi applausi”.

“Alla riuscita della serata, presente il vicesindaco Angelo Vincenti, hanno dato il loro contributo – aggiunge l’associazione – artistico: il medicartista Salvatore Nocera Bracco, Gaspare Frumento e Lorenzo Peritore”.

“In questi dieci anni – è il commento di Nicoletta Bona – migliaia di ragazzi hanno visitato il nostro teatro Re, provando l’emozione del palcoscenico. Da qualche anno a Licata altre iniziative celebrative della Giornata Mondiale del Teatro si sono aggiunte a quella organizzata dall’associazione “Dietro le Quinte”, contribuendo ancor di più alla divulgazione dell’arte del teatrale, che con la sua funzione educatrice è parte integrante della nostra società”.

(Foto Gaspare Frumento)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*