Furto sacrilego nella chiesa di Ravanusa, i carabinieri hanno denunciato due persone

Ravanusa pisside recuperata

Due persone sono state denunciate a piede libero, a Ravanusa, per il furto sacrilego di due giorni fa nella chiesa Madonna di Fatima.

I militari dell’Arma della stazione cittadina, dopo avere ricevuto la denuncia di don Filippo Barbera, parroco della chiesa, hanno avviato le indagini e nel giro di un paio di giorni hanno identificato i presunti auturi del furto e li hanno segnalati alla magistratura.

“I carabinieri della stazione di Ravanusa, dopo aver ricevuto la denuncia di furto sporta dal parroco della chiesa della “Madonna di Fatima”, si sono subito attivati – conferma il comando provinciale dell’Arma – per rintracciare gli autori del furto sacrilego e per recuperare una pisside e la teca utilizzata per l’adorazione eucaristica. Acquisiti i filmati della video sorveglianza, i militari, ben conoscendo il territorio, hanno da subito individuato ed identificato gli autori del furto e le successive indagini hanno permesso di rinvenire la refurtiva e di restituirla a Don Filippo Barbera, parroco della chiesa “Madonna di Fatima”, e alla collettività dei fedeli”.

“Le indagini, che sono stati – si conclude il comunicato stampa – celeri ed esaustive, sono state svolte dall’Arma dei Carabinieri con massimo impegno al fine di poter aiutare la comunità svolgendo così la precipua funzione sociale di vicinanza e sostegno alla popolazione. I due autori del furto sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Agrigento”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*