“Fuochi d’artificio” al “Dino Liotta”, ma ha la meglio il Licata che torna al successo netto

Licata - Marsala

di William Vitali

Fuochi d’artificio al “Dino Liotta” dove il Licata s’impone 4-2 sul Marsala, a termine di una partita rocambolesca.

Uomo copertina è Rizzo, il quale nella ripresa ha raddrizzato un match che si era decisamente complicato per i gialloblù.

Primo tempo senza particolari squilli da entrambe le parti.

A cavallo della mezzora di gioco è Convitto il più pericoloso prima con un destro veemente smanacciato da Russo, e poi non riuscendo a concludere in porta davanti al portiere.

Nella ripresa è subito doccia gelata per gli uomini di Campanella che subiscono gol su un rimpallo clamoroso che favorisce Di Chiara.

Al 50′ Ingrassia evita il raddoppio con un doppio intervento prodigioso su Maiorano prima e Ogbebor dopo.

Al 54′ è Rizzo a scuotere il Licata, infilando, a pochi passi da Russo, la rete del pareggio.

Dieci minuti dopo, Balistreri calcia di prima intenzione, spaventando Ingrassia.

Ancora Rizzo, al 65′, sigla la rete del sorpasso con una splendida volè su cross dalla sinistra. 

Convitto, sull’out di sinistra, è incontenibile e si guadagna il rigore trasformato di potenza, al 75′, da Cannavò.

Passano due minuti e Cannavò premia, a centro area, l’inserimento di Convitto, che piazza un diagonale preciso in fondo al sacco.

All’81’ accorcia il Marsala con una punizione spizzata di testa da Lorefice.

Nel finale, chance per Adeyemo, il cui piazzato si spegne sul fondo, e Rizzo, che pennella una conclusione a giro di poco a lato.

Un match dalle mille emozioni in cui i gialloblù hanno rischiato di capitolare a inizio secondo tempo, per poi scrollarsi di dosso le incertezze, trascinati da un tridente d’attacco letale.

Meriti vanno a Campanella che, dopo quaranta minuti scialbi, ha ridisegnato la sua squadra, passando a un modulo ultraoffensivo e spostando Convitto sulla trequarti, risultati che hanno pagato e riportato il Licata al successo.

 

Tabellino:

Licata (4-3-3): Ingrassia (dal 91′ Callea), Daniello, Porcaro, Cassaro, Dama; Ceesay (dal 73′ Doda), Sangiorgio (dal 38′ Adeyemo), Diaby (dal 90′ Mazzamuto); Rizzo, Cannavò (dal 79′ Manfrè), Convitto. All. Campanella.

 

Marsala (4-3-3): Russo; Lo Iacono, Di Chiara (dal 90′ Scalisi), Montuori, Castrovilli; La Vardera (dal 41′ Ogbebor), Lorefice, Pucci (dal 90′ Vellutato); Padulano, Balistreri, Maiorano. All.Torino.

 

Ammoniti: Dama, Balistreri, Ceesay, Cannavò.

Calci d’angolo: 4-5

Arbitro: Iannello di Messina

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*