“Favo-Le-ggiando il Natale”, nuovo progetto della biblioteca per avvicinare i bimbi alla lettura

La biblioteca comunale Luigi Vitali

Grazie a “Favo-Le-ggendo il Natale”, la biblioteca comunale “Luigi Vitali” di Licata rinnova l’invito ai ragazzi a leggere.

L’iniziativa prenderà il via il 3 dicembre ed andrà avanti fino al 13, ogni giorno dalle 10 alle 12.

“La sala lettura della biblioteca – scrive il Comune – ospiterà una serie di otto incontri riservati a tutti i bambini della scuola dell’infanzia e primaria che, grazie alla realizzazione del progetto “Favo-Le-ggendo il Natale”, saranno impegnati nel dare lettura di favole, per poi interpretarle, aventi per tema il Natale, in modo da suscitare in loro la consapevolezza della storia ascoltata, e renderli protagonisti”.

Per Violetta Callea, assessore comunale alla Cultura “l’obiettivo del progetto è quello di incentivare l’uso della biblioteca, sviluppare la curiosità, il desiderio e il piacere di leggere, educare all’ascolto e alla comunicazione, sviluppare la capacità di operare scelte di lettura in modo sempre più autonomo e consapevole, potenziare la padronanza della lingua italiana e migliorare le competenze di lettura”.

“Questo progetto – aggiunge Callea – rientra in un più vasto programma di attività già realizzate e da realizzare, a cura della biblioteca comunale di Licata, per avvicinare i ragazzi, sin dalla più tenera età, alla biblioteca, al piacere ed all’importanza della lettura. Attività che l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Giuseppe Galanti, intende sempre più sostenere e sollecitare, magistralmente ideate e poi condotte dagli operatori di questo nostro grande contenitore culturale e di sostegno alla crescita e alla formazione delle coscienze dei nostri giovani concittadini, i futuri adulti e responsabili della nostra società”.

“Il progetto, coordinato da Anna Maria Bennici, è realizzato dal personale della biblioteca comunale, di cui Stefania Santamaria è responsabile del servizio e Vincenzo Curella – conclude il Comune – è il direttore”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*