Coronavirus, Pullara scrive a Musumeci: “Se i fondi impegnati non bastano, ne trovi altri”

Nello Musumeci

“Come è noto sia il governo regionale che quello nazionale hanno stanziato rispettivamente 100 mln e 4,3 miliardi  ai comuni  per far fronte alle necessità delle famiglie disagiate, che hanno subito, a seguito del blocco totale delle attività un colpo economico di non poco conto, tanto da metterne in dubbio non solo la prosecuzione delle attività ovvero del lavoro ma anche il vivere quotidiano fatto delle basilari necessità che vanno dall’acquisto degli alimenti, quanto meno di prima necessità, al pagamento delle necessarie utenze ivi comprese quelle necessarie ai collegamenti internet per consentire ai nostri ragazzi di continuare un percorso di istruzione indispensabile per far crescere la futura classe dirigente cui questa isola ha indispensabile bisogno visto il punto cui è arrivata a prescindere dalla contingenza della epidemia”.

A scriverlo è Carmelo Pullara, presidente del Gruppo Parlamentare Popolari e Autonomisti all’Ars.  

“A tal fine – aggiunge Pullara – ieri, nel mio intervento in aula, durante la seduta dedicata ai temi economici scaturenti dall’epidemia, ho chiesto al presidente della Regione, Nello Musumeci, di emanare linee guida rigide, per l’utilizzazione dei fondi assegnati, all’interno delle quali i sindaci possano muoversi e ciò al fine di evitare situazioni a macchie di leopardo con protagonismi e populismi, perché siamo una regione ed in termini di unità ed uguaglianza dobbiamo muoverci perché ciò che sta accadendo lasci un insegnamento a tutti”.

“Al contempo – conclude il deputato licatese –  ho chiesto, a consuntivo, di valutare l’opportunità di un ulteriore stanziamento qualora la somma stanziata non dovesse essere sufficiente, valutando eventualmente caso per caso, con il parere della competente Commissione Regionale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*