Conti del Comune, l’assessore Raneri replica ai Cinque Stelle: “Abbiamo ereditato il dissesto”

Domenico Raneri

Domenico Raneri, assessore comunale alle Finanze, replica ai consiglieri comunali pentastellati, Carità, D’Orsi e Ortega, che due giorni fa si erano chiesti “come mai non si fosse accorto delle criticità dei conti del Comune quando era esperto del commissario Brandara”.

“Si contesta fermamente – scrive Raneri – l’affermazione che lo scrivente “non si sarebbe reso conto” della situazione e ciò in quanto i firmatari della nota in commento non sono a conoscenza delle evidenze che sono state periodicamente rappresentate dallo stesso al commissario Brandara. Se poi l’accusa dovesse consistere nel non aver reso pubblici i dati, è sufficiente rilevare che il ruolo di un assessore è cosa diversa da quello di un consulente. Al consulente spetta solo il compito di verificare e consigliare opportune soluzioni. Un assessore, per quanto tecnico, ha un ruolo politico. Oggi questa amministrazione ha la grande opportunità di avere reclutato professionisti prestati alla politica e non “professionisti della politica”. Perciò appare giusto e doveroso comunicare ai concittadini lo stato di dissesto ereditato, certamente non imputabile alla odierna amministrazione”.

“Nel merito, per quanto ci si è sforzati, sfugge di comprendere – aggiunge l’assessore alle Finanze – il senso del comunicato dei consiglieri 5S. Lungi dal voler alimentare sterili polemiche, che non si intende fomentare, si ribadisce che la situazione del Comune richiedeva l’impiego di misure di carattere straordinario già nella trascorsa gestione; gestione nella quale, ad esempio, si è sforato il Patto di Stabilità e si è accresciuto lo stock di debiti senza porre in essere interventi di risanamento. Tali interventi di carattere straordinario si presentano oggi come improcrastinabili se tutti noi abbiamo a cuore le sorti della nostra comunità a prescindere dal colore politico”.

“Le altre osservazioni in merito al lodo Saiseb appaiono solo strumentali; la situazione è nota a tutti e agli organi di stampa da tempo immemorabile e non spetta certamente all’assessore spiegarlo per l’ennesima volta. Piuttosto, dal tenore della nota – conclude Domenico Raneri – viene da chiedersi come mai, al di là di infruttuose polemiche, i consiglieri 5S non si mostrino piuttosto preoccupati della situazione finanziaria e di quali misure e interventi sia opportuno e necessario porre in essere per portare in equilibrio il bilancio comunale. Il sottoscritto e l’amministrazione di cui fa parte, continueranno a lavorare con dedizione e impegno costante e non si faranno distrarre da critiche infondate e probabilmente alimentate”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*