“Caino Coscienza di Dio”, sabato 11 al teatro “Re” la rappresentazione del libro di Scuderi

Vincenzo Scuderi

Si intitola “Caino Coscienza di Dio”, il libro dello scrittore licatese Vincenzo Scuderi, il cui adattamento teatrale sabato prossimo, 11 gennaio a partire dalle 18.30, sarà presentato al teatro “Re” nel corso di un reading.

A presentare le letture saranno: Marco Bernasconi, Angelo Augusto, Luca Malfitano, Daniela Mulè ed Enzo Rapisarda, i quali rispettivamente daranno voce a Caino, Dio, Abele, Eva ed Adamo.

La serata sarà presentata da Maria Bernasconi, mentre l’introduzione è a cura di Maria Grazia Cimino.

Il reading è stato inserito nel cartellone degli eventi di Natale, allestito dal sindaco Pino Galanti e dall’assessore allo Sport, Turismo e Spettacolo, Andrea Burgio.

Ecco la sinossi del libro.

“Un personaggio intimamente legato all’Onnipotente, a Lui connesso, parimenti come lo può essere un padre amorevole col figlio, Caino è coscienza di Dio.

È unito al cuore originario divino come unità idealmente, spiritualmente indivisibile, inscindibile… oserei perfino pensare fortemente legati dall’amore soprannaturale… Del resto, l’umanità intera non è forse, sostanzialmente, unita in modo inscindibile col Creatore?

Li immagino inseparabili i due, l’uno legato all’amore dell’altro, fino a quando… Caino commette il gesto fratricida.

Il personaggio immaginato in dialogo con Dio, risulta dall’animo insofferente, burrascoso, sensibilissimo e per questo, la sua personalità può apparire al lettore contorta, a volte, inspiegabile.

Con la costretta convivenza col fratello, si convince che l’Eterno lo ponga, lo rileghi in secondo piano, proprio perché gradisce Abele e la sua offerta, ma non Caino.

E poi perché queste preferenze di Dio?

Da qui, probabilmente, scatta il biasimevole impulso dell’invidia, dell’astio, della malevolenza. È di certo la fede, la risposta a questa prima tragedia di sangue, registrata della storia dell’umanità”.

(Nella foto Vincenzo Scuderi, autore del libro) 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*