Bollette Tari, i consiglieri 5 Stelle: “Assistiamo al silenzio assordante dell’amministrazione”

Movimento Cinque Stelle

“I consiglieri comunali del M5S e l’intero gruppo cittadino intendono intervenire sull’attuale situazione di disagio che la città sta vivendo in merito alla notifica di bollette Tari, rese insostenibili a causa della presenza di arretrati, perlopiù per un servizio inefficiente”.

Lo scrivono, in una nota, i consiglieri comunali Melania D’Orsi e Vincenzo Carità.

“Sin dall’atto dell’insediamento di quest’amministrazione, non abbiamo mai fatto mancare – aggiungono – il nostro contributo di proposte per orientare significativamente l’azione politica ed amministrativa di questa amministrazione incompetente, la quale con albagia ha ignorato i nostri suggerimenti. Altresì, rispondendo in maniera superficiale e con notevole ritardo, non rispettando i limiti tempistici previsti dal regolamento comunale, alle nostre interrogazioni. Altresì, ignorando le nostre legittime richieste di accesso agli atti su tematiche poco chiare riguardanti la città”.

“La situazione sulla gestione della raccolta e lo smaltimento dei rifiuti solidi ed urbani, argomento di estrema importanza, è stato affrontata – aggiungono D’Orsi e Carità – da noi in diverse occasioni, con interrogazioni ed interventi in civico consesso, ottenendo risposte esuli o nulle. La genesi di tale situazione è stata ricordata da noi più volte ai cittadini. Era il 2016, quando l’allora Consiglio Comunale in carica approvò di revocare una precedente delibera,  decidendo di esternalizzare il servizio rifiuti. Sin dall’insediamento di quest’amministrazione comunale abbiamo chiesto con veemenza  il ritorno ad una gestione in house del succitato servizio rifiuti, abbiamo chiesto con altrettanta veemenza  che i cittadini non pagassero per inadempienze dell’ente Comune, incapace di provvedere all’erogazione di un  consueto  servizio di raccolta rifiuti. Oggi assistiamo ad un costo del servizio incrementato di oltre due milioni di euro rispetto agli anni precedenti, con un conseguente  aumento spropositato della tari in un momento surreale  per la città, in cui le attività produttive, commerciali e  artigianali stanno attraversando una fase drammatica. Silenzio assordante da parte di questa amministrazione su questo argomento, nessun dibattito in consiglio comunale e nessun confronto con i cittadini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*