Blitz antimafia “Assedio”, i carabinieri: “Le indagini erano iniziate nell’ottobre del 2017”

Conferenza dei carabinieri

I carabinieri del comando provinciale di Agrigento hanno reso noti nuovi dettagli sull’operazione antimafia condotta ieri, che rappresenta il seguito di “Assedio”, il blitz condotto lo scorso 19 giugno, quando su disposizione dei pubblici ministeri della Direzione Distrettuale Antimafia di Agrigento erano state poste in stato di fermo 7 persone, 6 di Licata ed una di Campobello di Licata.

“I carabinieri del Comando Provinciale di Agrigento hanno eseguito nove ordinanze di custodia cautelare emesse nei confronti di esponenti di vertice ed affiliati delle famiglie mafiose di Licata e Campobello di Licata. Si tratta dei 7 destinatari del fermo di indiziato di delitto del 19 giugno scorso – si legge nel comunicato stampa dell’Arma – più altri 2 elementi dell’organizzazione che non erano stati colpiti dal provvedimento poiché già detenuti. L’accusa per tutti, a vario titolo, è quella di associazione mafiosa armata finalizzata alle estorsioni. Nuovamente arrestato, per concorso esterno in associazione mafiosa, il consigliere comunale del Comune di Licata (Giuseppe Scozzari) che si era dimesso a seguito dei precedenti fermi. Nel corso delle indagini, erano stati filmati numerosi summit ed incontri segreti fra gli appartenenti al sodalizio mafioso ed era stata accertata persino un’estorsione per lavori edili eseguiti in Germania”.

“La vasta operazione di oggi – aggiungono i militari – è il seguito della complessa e prolungata indagine dei carabinieri della Compagnia di Licata, iniziata nell’ottobre del 2017, che aveva già portato lo scorso 19 giugno all’esecuzione di 7 fermi di indiziati di delitto. L’inchiesta era stata svolta con le più sofisticate tecnologie di intercettazione telefonica ed ambientale, con sistemi di localizzazione satellitare e, soprattutto, con una instancabile attività di indagine vecchio stile, fatta di pedinamenti e servizi di osservazione. Le telecamere dei carabinieri avevano registrato numerosi incontri e riunioni segrete, evidenziando la completa ed attuale interconnessione tra tutti gli appartenenti al sodalizio, nonché il legame a doppio filo con un rappresentante della famiglia mafiosa di Campobello di Licata. Nel corso delle investigazioni, era stata persino accertata un’estorsione per dei lavori di costruzione recentemente realizzati in Germania. Per essi, la vittima, a seguito della sola intimidazione derivante dal vincolo associativo, non aveva esitato a versare la somma di 5000 euro”.

“I carabinieri – si legge ancora nel comunicato stampa del comando provinciale dell’Arma – avevano altresì accertato che l’organizzazione nutriva forti interessi nel settore delle slot machines. Attraverso una compiacente società di distribuzione di apparati elettronici da gioco, il cui titolare è stato nuovamente colpito dall’odierna ordinanza di custodia cautelare in carcere, aveva avuto luogo infatti la installazione pilotata di apparati da gioco in numerosi esercizi commerciali dell’hinterland licatese.

Emblematici della sensibilità del territorio alla capacità di intimidazione dell’organizzazione furono due distinti episodi registrati dai Carabinieri. In un caso, era infatti emerso che un noto gioielliere licatese, dopo avere ricevuto una busta contenente un proiettile, aveva subito chiesto protezione al reggente della famiglia mafiosa e, solo successivamente, aveva denunciato l’episodio alle forze dell’ordine. In un secondo caso, invece, addirittura, un ex consigliere comunale di Licata, al quale era stato rubato un ciclomotore, si era rivolto al capo clan, al fine di potere rapidamente ottenere la restituzione del mezzo”.

“L’inchiesta aveva inoltre riguardato, con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, un tecnico dell’A.S.P. di Agrigento, all’epoca consigliere comunale di Licata, il quale, in accordo con il reggente della locale famiglia mafiosa, in cambio della promessa di future utilità, aveva chiesto ed ottenuto l’appoggio elettorale – si conclude la nota stampa – del citato sodalizio durante le elezioni amministrative per il rinnovo del consiglio comunale di Licata, svoltesi a giugno del 2018. Il consigliere comunale, che aveva rassegnato le sue dimissioni lo scorso 21 giugno, cioè due giorni dopo la sottoposizione a fermo, è oggi destinatario, con le stesse accuse, di un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari. Su di lui i Pubblici Ministeri, oltre agli elementi già riportati nella precedente misura di fermo, hanno esitato nuovi elementi di prova, che sono stati vagliati favorevolmente dal GIP per l’emissione dell’odierno provvedimento”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*